rotate-mobile
Cronaca

Ricoverato per diverticolite e morto in ospedale Ostuni: cinque medici indagati

Cinque medici del reparto di Chirurgia di Ostuni sono stati iscritti nel registro degli indagati, come atto dovuto, per il conferimento di incarico per l’autopsia, nell’ambito dell’inchiesta per omicidio colposo avviata dal pm Antonio Costantini a seguito dell’esposto presentato dai famigliari di Ugo Iacca.

OSTUNI - Cinque medici del reparto di Chirurgia di Ostuni sono stati iscritti nel registro degli indagati, come atto dovuto, per il conferimento di incarico per l’autopsia, nell’ambito dell’inchiesta per omicidio colposo avviata dal pm Antonio Costantini a seguito dell’esposto presentato dai famigliari di Ugo Iacca, 53enne ricoverato per diverticolite e morto nel reparto di Chirurgia dell’ospedale di Ostuni. L’uomo, che risiedeva a Roccaforzata, paesino in provincia di Taranto, si era recato il 24 giugno all’ospedale di Grottaglie per problemi all’addome ed era stato poi ricoverato per una presunta diverticolite e trasferito al presidio ospedaliero della Città Bianca, per mancanza di posti, per essere sottoposto a intervento chirurgico. Lì ha cessato di vivere.

Oggi pomeriggio alle 17.30 presso il cimitero di Ostuni dove è stata condotta la salma, a seguito dell’esposto denuncia dei famigliari, sarà eseguita l’autopsia dal medico legale incaricato dalla procura, Antonio Carusi, insieme a Giuliano Saltarelli come consulente di parte delle persone indagate e Vito Sarcinella per le parti offese. I carabinieri della compagnia di Fasano avevano già acquisito ieri le cartelle cliniche su delega del pm che ha avviato un’inchiesta per omicidio colposo sulla base della denuncia dei parenti di Iacca che chiedono che sia fatta chiarezza sulle cause del decesso.

Il pm Antonio CostantiniI fatti si sono verificati tra il 24 e il 25 giugno. Iacca aveva accusato un malore e per questo si era recato all’ospedale di Grottaglie dal quale, per mancanza di posti disponibili era stato poi trasferito al nosocomio della Città Bianca. E’ rimasto in reparto un giorno, poi ne è stato dichiarato il decesso. Una scomparsa improvvisa e inattesa, e una diagnosi di una patologia per sua definizione non mortale. I medici indagati sono difesi dall’avvocato Nicola Santoro. La famiglia del paziente scomparso si è affidata all’avvocato Pierluigi Morelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricoverato per diverticolite e morto in ospedale Ostuni: cinque medici indagati

BrindisiReport è in caricamento