Migrante sfruttato e sottopagato: denunciato titolare di azienda agricola

L'azienda si occupa di allevamento di ovini e bovini e di produzione casearia. L'intera area è stata sottoposta a sequestro

foto d'archivio

OSTUNI - Sfruttato e sottopagato all'interno di una azienda agricola di Ostuni. La triste vicenda ha come protagonista un cittadino pakistano, con regolare eprmesso di soggiorno, alle dipendenze del titolare di un'azienda agricola della città bianca operante nel settore dell'allevamento di ovini, bovini e produzione casearia. La scoperta è stata fatta dai carabinieri del Nucleo investigativo del reparto operativo di Brindisi unitamente a personale del nucleo carabinieri ispettorato lavoro di Brindisi, nell'ambito della task-forse anti caporalato.

In particolare, secondo gli accertamenti dei militari, il pakistano veniva sfruttato, giornalmente e sottopagato rispetto alle reali prestazioni svolte. Il titolare dell'azienda approfittava, quindi, del suo stato di bisogno dovuto alla necessità di mantenere una fonte di reddito per consentirgli il rinnovo del permesso di soggiorno nel territorio dello Stato. L'uomo è stato denunciato per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e numerose violazioni al testo unico ambientale e sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro. L’intera area, adibita ad attività di zootecnica e caseificio, è stata sottoposta a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

  • Covid, Puglia: la curva rallenta. Nel Brindisino cinque decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento