rotate-mobile
Cronaca Ostuni

Picchia la madre "per comprare la cocaina", arrestato a Rosa Marina

"Mi devi dare i soldi che devo pagare uno spacciatore, altrimenti di qua non ti faccio uscire, ti spacco la macchina", sono queste le minacce, seguite successivamente da calci e pugni che un 24enne ha rivolto alla madre che si era rifiutata di dargli 200 euro per pagare l'acquisto di cocaina

ROSA MARINA – “Mi devi dare i soldi che devo pagare uno spacciatore, altrimenti di qua non ti faccio uscire, ti spacco la macchina”, sono queste le minacce, seguite successivamente da calci e pugni che un 24enne ha rivolto alla madre che si è rifiutata di dargli 200 euro per pagare l'acquisto di cocaina. Fortunatamente l'intervento di alcune persone che hanno assistito alla scena ha evitato il peggio. Il giovane, M.S, di Brindisi, poi, è stato arrestato con l'accusa di tentata rapina, lesioni personali, estorsione continuata e violenza privata.

L'episodio si è verificato ieri mattina in una villetta della località balneare di Ostuni, Rosa Marina e l'arresto, operato dai poliziotti del commissariato di polizia di Ostuni, diretto dal vicequestore Francesco Angiuli, è stato possibile anche grazie alla collaborazione della madre-vittima che ha avuto il coraggio e la forza di chiedere aiuto nonostante l'aggressore era proprio suo figlio e di fornire ai poliziotti tutte le informazioni necessarie. La donna è reduce di numerosi episodi simili e avrebbe più volte tentato di aiutare il figlio, senza però riuscirci. C'era anche a carico del 24enne un divieto (emesso dal Giudice tutelare per motivi di sicurezza) di avvicinarsi alla sua mamma, proprio per i comportamenti aggressivi che aveva assunto in passato nei suoi confronti.

Ma l'amore di una mamma per il proprio figlio è infinito e la donna nonostante il provvedimento si era comunque adoperata per cercare di far uscire il figlio dal vortice in cui era finito diversi anni fa. Grazie alle sue sollecitazioni era riuscita ad ottenere un colloquio del giovane presso una comunità terapeutica in provincia di Rimini ma quest’ultimo aveva solo finto di recarsi, non essendo affatto intenzionato a curarsi.

Ieri i due erano proprio di ritorno da Rimini. Già durante il tragitto il 24enne aveva iniziato a chiedere 200 euro alla madre, sostenendo che gli servivano per l’estinzione di un debito con uno spacciatore di cocaina. Le richieste erano diventate sempre più insistenti e minacciose perchè la donna si era categoricamente rifiutata. All'arrivo alla villetta di Rosa Marina, località balneare di Ostuni, il 24enne si era allontanato per poi tornare alle 10 con aria minacciosa. Voleva a tutti i costi i 200 euro “altrimenti io di qua non faccio uscire, ti spacco la macchina”.

La donna ha continuato a rifiutarsi, il figlio le ha impedito di raggiungere la sua auto. Poi in un momento di distrazione è riuscita fuggire a piedi dirigendosi verso un albergo poco distante e a chiamare un amico di famiglia chiedendogli di raggiungerla con la scusa di accompagnarla a Brindisi. E' stata inseguita dal giovane che l'ha bloccata e ancora minacciata di picchiarla: “Tu mi devi dare i soldi e se non mi dai i soldi spezzo di mazzate a te ed a Pino hai capito?” Nel frattempo, era arrivato l’amico di famiglia con la sua auto che assistendo alla scena aveva fatto salire la donna al suo interno per tentare di metterla in salvo. 

Il 24enne, però, è riuscito a infilarsi nella vettura continuando a minacciare i due e a chiedere i soldi tentando di strappare la borsa della donna. La situazione è degenerata quando la signora ha continuato a opporre resistenza: il figlio le ha sferrato violenti pugni al volto, al ventre e in altre parti del corpo, nonché un calcio al basso ventre, provocandole un grosso ematoma. Ha picchiato con un violento schiaffo al volto anche l'amico di famiglia. Alcuni passanti che hanno assistito alla scena poi sono riusciti a bloccare l'aggressione e il 24enne è fuggito. Tutto questo mentre una pattuglia della polizia si stava recando sul posto. Il giovane è stato immediatamente rintracciatao nella casa della madre dove gli agenti hanno anche trovato qualche grammo di marijuana.

Le vittime intanto sono state accompagnare al Pronto soccorso dell'ospedale di Ostuni, dove sono state diagnosticate lesioni personali di varia entità in più parti del corpo (complessivamente: traumatismi a gomiti, avambraccio, polsi, coscia, viso, collo, cuoio capelluto, regione temporomandibolare), guaribili in una decina di giorni.

Su disposizione dle pm di turno Luca Buccheri, il ragazzo è stato arrestato e trasferito in carcere in attesa dell'interrogatorio di convalida che avverrà alla presenza del suo legale di fiducia, l'avvocato Giovanni Brigante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la madre "per comprare la cocaina", arrestato a Rosa Marina

BrindisiReport è in caricamento