Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Padre e figlio abbattono traliccio per rubare il ferro: arrestati dai carabinieri

Li hanno sorpresi mentre erano intenti a smantellare il traliccio di una centrale elettrica nelle campagne di Tuturano, caricando il materiale ferroso su un motocarro Ape. Salvatore Brina, 49 anni, e il figlio Antonio Brina, 25 anni, sono stati colti con le mani nel sacco dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi al comando del tenente Alberto Cavenaghi

TUTURANO – Li hanno sorpresi mentre erano intenti a smantellare il traliccio di una centrale elettrica nelle campagne di Tuturano, caricando il materiale ferroso su un motocarro Ape. Salvatore Brina, 49 anni, e il figlio Antonio Brina, 25 anni, sono stati colti con le mani nel sacco dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi al comando del tenente Alberto Cavenaghi. I due sono stati intercettati nella giornata di ieri (19 maggio) in contrada Marfeo.

Avevano appena abbattuto un grosso traliccio, per impossessarsi del ferro. Non solo, i militari hanno anche appurato che il veicolo recava dei particolari identici ad un altro mezzo del quale Salvatore  Brina, avendone la custodia a seguito di sequestro amministrativo, aveva denunciato il furto per evitare, secondo i carabinieri, la seguente confisca. Sia il mezzo che il materiale ferroso sono stati posti sotto sequestro. Padre e figlio devono rispondere di tentato furto aggravato in concorso. Salvatore Brina è stata denunciato anche per ricettazione del mezzo rubato.

Questa operazione conferma quanto i carabinieri della compagnia di Brindisi siano attivi sul fronte dei furti di rame e materiale ferroso. Basti ricordare i due brindisini che la scorsa settimana sono stati colti in flagranza di reato dopo aver rubato oltre 200 chilogrammi di rame dall’ex base Usaf. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre e figlio abbattono traliccio per rubare il ferro: arrestati dai carabinieri

BrindisiReport è in caricamento