rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Ostuni

Padre, madre e figlio condannati per omicidio: 44 anni di carcere e un ergastolo

Domenico Germano Moro, Cinzia D'Amico e il figlio Lorenzo Moro ritenuti responsabili dell'uccisione del commerciante Giuseppe Maldarella, avvenuta a Ostuni la sera del 13 luglio 2019

OSTUNI - Ergastolo per il 22enne Lorenzo Moro e 22 anni a testa per i genitori, Domenico Germano Moro e Cinzia D'Amico. E' la sentenza emessa nel pomeriggio di oggi, lunedì 13 dicembre 2021, dalla Corte d'Assise presso il Tribunale di Brindisi relativa all'omicidio del commerciante Giuseppe Maldarella. Il delitto è avvenuto a Ostuni, in via D'Azeglio, la sera del 13 luglio 2019. Il pm della Procura di Brindisi, Livia Orlando, aveva chiesto l'ergastolo per tutti e tre. Il collegio giudicante è presieduto da Genantonio Chiarelli (a latere la giudice Barbara Nestore). 

La condanna

Ergastolo e 44 anni di carcere per i tre, ritenuti responsabili della morte di Maldarella. Per i giudici cadono le aggravanti: niente atto di crudeltà e recidiva. E niente premeditazione per i coniugi Moro. Resta quest'ultima aggravante per il 22enne Lorenzo. Riconosciuti i futili motivi per tutti e tre gli imputati, i quali sono interdetti in perpetuo dai pubblici uffici e in stato di interdizione legale per la durata della pena. Inoltre i coniugi Moro, scontata la pena, dovranno essere sottoposti alla misura di sicurezza della libertà vigilata per tre anni. Infine, gli imputati dovranno risarcire le parti civili (l'avvocato Giuliano Calabrese rappresenta la moglie e due figli di Maldarella e l'avvocato Delia Quaranta la figlia e altri parenti della vittima), la cifra verrà determinata in separata sede. I coniugi Moro e il figlio Lorenzo sono stati difesi dagli avvocati Mario Guagliani e Vincenzo Lanzilotti. In alcuni momenti il dibattimento è stato serrato. Nell'udienza in cui si è svolta la requisitoria del pm è stato ascoltato un teste, portato in aula dalle forze dell'ordine con accompagnamento coatto. 

Il delitto

Sabato 13 luglio, Ostuni. Via D'Azeglio è una stradina della Città Bianca. Sulle chianche ci sono delle tracce di sangue. E' l'esito di una tragedia consumatasi nella tarda serata. Un litigio tra due famiglie culminato nella morte di un commerciante, il 44enne Giuseppe Maldarella. La vittima era stata raggiunta da diversi colpi, sferrati con arma da taglio. La lite era scaturita a causa di una relazione tra due ragazzi: Lorenzo Moro e la figlia del commerciante. Per questi dissidi, Maldarella arriva a scontrarsi con la famiglia Moro. Dopo essere stato ferito, Maldarella riesce a raggiungere la propria auto, ma la corsa dura poco: il 44enne perde conoscenza. L'auto si ferma contro il semaforo dell'incrocio tra via Fogazzaro e corso Garibaldi. Qui Giuseppe Maldarella viene soccorso dal personale paramedico di un'ambulanza in transito, ma purtroppo spira. Le indagini, affidate agli agenti del commissariato di Ostuni e della Squadra Mobile di Brindisi, hanno portato alle condanne di oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre, madre e figlio condannati per omicidio: 44 anni di carcere e un ergastolo

BrindisiReport è in caricamento