Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Via Carmine

Padrone in ospedale, cane resta da solo in casa: giovane sente i latrati e lo salva

Un cane abbandonato da giorni in casa, senza acqua, cibo e, soprattutto, a combattere le temperature elevate che da settimane interessano la città. Un'avventura che poteva avere risvolti drammatici per la bestiola, ma che, grazie all'intervento di chi ha avvisato i soccorsi, può vantare un lieto fine

BRINDISI - Un cane abbandonato da giorni in casa, senza acqua, cibo e, soprattutto, a combattere le temperature elevate che da settimane interessano la città. Un’avventura che poteva avere risvolti drammatici per la bestiola, ma che, grazie all’intervento di chi ha avvisato i soccorsi, può vantare un lieto fine.

Di seguito i fatti: giovedì mattina (30 luglio) in via Cristoforo Colombo 68, a pochi metri da Porta Mesagne, un anziano, a causa di un mancamento dovuto alle temperature troppo alte, viene soccorso dal personale del 118 e trasportato presso l’ospedale Perrino per le cure necessarie; l’uomo, colpito da un colpo di calore e trasportato in stato di semi incoscienza presso la struttura ospedaliera brindisina, vive in un appartamento nel centro cittadino, con la sola compagnia di un piccolo yorkshire. A causa dei momenti concitati nel soccorrere l’anziano, nessuno pensa al piccolo cane rimasto “intrappolato”, fino a questa mattina, all’interno dell’appartamento.

Qui entra in gioco un giovane, dipendente presso un’attività commerciale di alimenti surgelati, tra via Cristoforo Colombo e via Carmine, esattamente sotto la casa dell’anziano, che, essendo a conoscenza del ricovero dell’anziano vicino e, sentendo i latrati del cane abbandonato, richiede l’intervento dei soccorsi. 

Intorno alle 10.00 di questa mattina (1 agosto), una squadra di agenti del comando brindisino di polizia municipale, coadiuvata dagli uomini del comando provinciale dei vigili del fuoco e dal capo veterinario del comune di Brindisi, dottor Massimo Lorusso si sono introdotti all’interno dell’appartamento, mettendo in salvo il povero cane, stremato dal caldo e dalla mancanza d’acqua, ma in salute e desideroso di riunirsi al suo padrone. 

Una storia che, forse, avrebbe avuto un esito del tutto differente, se in mezzo ci fosse stato quel clima di indifferenza che caratterizza la vita di molti cittadini. 

Il cane sta, tutto sommato, in buone condizioni, gli uomini del comando di polizia municipale lo hanno preso in custodia e consegnato al personale del canile municipale, in attesa che il fratello del proprietario della bestiola venga a prenderlo per prendersene cura, fino a quando non sia dimesso dall’ospedale il padrone, a quel punto, i due, si potranno finalmente ricongiungere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padrone in ospedale, cane resta da solo in casa: giovane sente i latrati e lo salva

BrindisiReport è in caricamento