menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Palestra aperta con 7 clienti dentro non autorizzati: multa e chiusura

La scoperta è stata fatta nell'ambito dei controlli sul rispetto delle misure anti contagio. Per tutti è scattata la sanzione di 400 euro

SAN PIETRO VERNOTICO - Era aperta nonostante la chiusura disposta dal Dpcm anti covid e al suo interno c'erano sette atleti che si allenavano in sala pesi. Blitz dei carabinieri nella mattinata di ieri, mercoledì 17 marzo, in una palestra di San Pietro Vernotico: multa e chiusura. 

La scoperta è stata fatta nell'ambito dei controlli sul rispetto delle misure anti contagio. I militari della locale stazione, diretta dal maresciallo Vincenzo Corianò, hanno fatto irruzione nella palestra in questione trovando, come già detto, 7 persone intente ad allenarsi pur non essendo atleti autorizzati iscritti a federazioni Coni. Per tutti è scattata la multa di 400 euro ed è stata disposta la chiusura della palestra per 5 giorni. La reiterazione della violazione prevede prima una chiusura di 30 giorni e poi definitiva. 

Come si legge nella sezione "Faq"sul sito del Governo "Le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali sono sospese, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni ed eventi riconosciuti di rilevanza nazionale con provvedimento del Coni o del Cip. Allo stesso modo, sono sospese l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sia all’aperto che al chiuso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento