menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lotta ai parcheggiatori abusivi: emessi due provvedimenti di "Divieto di accesso in aree urbane"

Servizio operato congiuntamente da equipaggi della Polizia di Stato e dalla Polizia Locale

BRINDISI - Continua l’azione di contrasto della Questura di Brindisi nei confronti dei parcheggiatori abusivi che presidiano molte zone della città tra cui l’area antistante l’ospedale Perrino e le aree parcheggio di via Del Mare. Al termine di un servizio operato congiuntamente tempo addietro da equipaggi della Polizia di Stato e dalla Polizia Locale sono stati emessi dal Questore due provvedimenti di "Divieto di accesso in aree urbane", cosiddetto “Dacur”.

In entrambi i casi, per i soggetti sorpresi nella flagranza dell’esercizio dell’attività abusiva sono stati emessi provvedimenti di allontanamento per un periodo di tre mesi e contravvenzionati ai sensi del vigente Codice della Strada. Negli ultimi mesi, sono stati emessi complessivamente 16 Dacur.

“L’attività svolta, che verrà sistematicamente replicata con l’intento di infrenare tale condotta che incide negativamente sulla serena convivenza sociale, rientra nel quadro normativo delle disposizioni normative in materia di sicurezza delle città definendone il contorno sanzionatorio analogamente a quanto già contemplato dalla normativa contro la violenza negli stadi (c.d. Daspo)”, si legge in una nota della Questura.  

“L'utilizzo improprio degli spazi pubblici con condotte che ne impediscono la legittima la fruizione comporta l'applicazione, oltre che di una sanzione amministrativa pecuniaria, anche dell’allontanamento dal luogo in cui è stato commesso l'illecito con l’espresso divieto di accedervi nonché, in caso di recidiva, l’applicazione della suddetta misura fino a 12 mesi”.         

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento