Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Parteciparono a spedizione punitiva in Romagna, tornano liberi due sampietrani

Assolti dalle accuse di rapina e danneggiamento e condannati a un anno e 4 mesi per violazione di domicilio e lesioni. Tornano liberi due sampietrini arrestati a febbraio scorso

 SAN PIETRO VERNOTICO – Assolti dalle accuse di rapina e danneggiamento e condannati a un anno e 4 mesi per violazione di domicilio e lesioni. Tornano liberi i sampietrani Raffaele Pietanza 35 anni e Marcello Solazzo 32 arrestati a febbraio scorso dai carabinieri di Forlì perché accusati di aver partecipato, l’11 dicembre scorso, a una spedizione punitiva ai danni di un sampietrano M.C. residente a San Mauro Pascoli (Forlì Cesena). Episodio che si inquadra nell’operazione Dirty Soccer che il 19 maggio scorso si concluse con l’emissione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 50 indagati perché coinvolti un’organizzazione che avrebbe truccato diverse partite del campionato di Lega Po della stagione 2014/2015.

Dopo l’arresto da parte dei carabinieri di Forlì Pietanza e Solazzo furono rinchiusi nel carcere di Brindisi. Affiancati dal loro legale di fiducia, l’avvocato Ladislao Massari, nei giorni scorsi hanno affrontato l’udienza preliminare dove hanno chiesto di essere giudicati con rito abbreviato che prevede la riduzione di un terzo della pena. Come già detto per l’accusa di rapina, il reato per cui è prevista la detenzione in carcere, sono stati assolti ed è stata disposta la scarcerazione immediata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parteciparono a spedizione punitiva in Romagna, tornano liberi due sampietrani

BrindisiReport è in caricamento