menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cocaina e denaro sequestrati dalla Mobile

Cocaina e denaro sequestrati dalla Mobile

Cocaina spacciata dietro al Teatro Verdi, due patteggiamenti

Per Antonella Carbone due anni, pena sospesa: rimessa in libertà, era ai domiciliari dal 3 dicembre scorso. Rosario Piccinno chiude il conto a due anni e quattro mesi e resta ristretto nella sua abitazione. Gli arresti della Mobile in flagranza di reato: sorpresi con 18 dosi di cocaina

BRINDISI – Patteggiamento per i due brindisini arrestati con l’accusa di spaccio di cocaina alle spalle del Nuovo Teatro Verdi: per Antonella Carbone il conto è stato chiuso a due anni, pena sospesa, di conseguenza è stata  rimessa in libertà, mentre  Rosario Piccinno due anni e quattro mesi, resta ristretto nella sua abitazione.

rosario piccinno-2-2-2antonella carbone-2-2-2Il gip del Tribunale di Brindisi ha ritenuto congrua l’applicazione della pena chiesta dal difensore di entrambi, Giuseppe Guastella, con il parere favorevole del pubblico ministero. I due erano stati arrestati dagli agenti della Mobile, diretti dal vice questore aggiunto  Sfameni, il 3 dicembre scorso.

Furono sorpresi in una Smart con 18 dosi di cocaina e duemila euro in contanti, arresto immediato poi convalidato con il riconoscimento per entrambi dei domiciliari, come chiesto dal penalista per la ragazza in relazione allo status di incensurata, mentre per Piccinno mise in evidenza la condotta osservata dal giovane dopo essere finito nella rete dell’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Lecce chiamata Canali, sull’esistenza di un gruppo di stampo mafioso a Torre Santa Susanna, con diramazioni anche a Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento