rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Cronaca Ceglie Messapica

Pedofilo ritorna in carcere

I carabinieri della stazione di Ceglie Messapica hanno eseguito un provvedimento di esecuzione dell’ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Lecce, nei confronti di Leonardo Vito Rosario Paradiso, 68enne del posto. Il provvedimento è scaturito a seguito della violazione degli obblighi della misura cautelare degli arresti domiciliari, cui lo stesso era sottoposto.

I carabinieri della stazione di Ceglie Messapica hanno eseguito un provvedimento di esecuzione dell?ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Lecce, nei confronti di Leonardo Vito Rosario Paradiso, 68enne del posto. Il provvedimento è scaturito a seguito della violazione degli obblighi della misura cautelare degli arresti domiciliari, cui lo stesso era sottoposto.

Paradiso era stato arrestato il 13 luglio scorso dopo la scoperta di copioso materiale pedopornografico nella sua abitazione di Ceglie, dove i carabinieri della compagnia di San Vito erano giunti indagando su un giro di falsi tagliandi assicurativi. Ma nel pc e nei cassetti dell?uomo i militari trovarono invece file e dvd raccapriccianti.

Trovato in possesso di due coltelli del genere proibito, è stato denunciato un 33enne di Brindisi, F.G., che dovrà rispondere di porto abusivo di armi bianche. I due coltelli sono stati trovati nella sua auto durante una perquisizione.

I carabinieri della stazione di Brindisi principale, invece, hanno hanno eseguito un provvedimento di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Treviso, nei confronti di Alessio Tramacere, 35enne del posto.

Tramacere deve scontare una pena di cinque mesi di reclusione perchè riconosciuto responsabile di sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro. Il 35enne dopo le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedofilo ritorna in carcere

BrindisiReport è in caricamento