menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia postale

Polizia postale

Pedopornografia, arrestato studente

Studente universitario con il pc tracimante di video pedopornografici. La scoperta è stata fatta dalla polizia postale di Chieti che in un comune del Brindisino, su cui vige il più stretto riserbo, ha arrestato un 33enne tornato a passare a casa le vacanze. Il ragazzo ha ammesso di aver scaricato da internet filmati che ritraggono bambini. Nel corso di una perquisizione della sua abitazione, a Chieti, che condivideva con altri studenti, la polizia – diretta da Pasquale Sorgonà – ha sequestrato personal computer e dei supporti informatici che erano stati nascosti in scatole per biscotti: esaminando questo materiale sono stati scoperti quasi 70 video e 2.700 immagini.

Studente universitario con il pc tracimante di video pedopornografici. La scoperta è stata fatta dalla polizia postale di Chieti che in un comune del Brindisino, su cui vige il più stretto riserbo, ha arrestato un 33enne tornato a passare a casa le vacanze. Il ragazzo ha ammesso di aver scaricato da internet filmati che ritraggono bambini. Nel corso di una perquisizione della sua abitazione, a Chieti, che condivideva con altri studenti, la polizia - diretta da Pasquale Sorgonà - ha sequestrato personal computer e dei supporti informatici che erano stati nascosti in scatole per biscotti: esaminando questo materiale sono stati scoperti quasi 70 video e 2.700 immagini.

La polizia parla di video con "titoli inequivocabili" e spiega che le foto riguardavano tutti bambini e avevano contenuto pedopornografico. Nel computer, invece, era installato un software (peer to perr di Emule) che consente il file sharing di materiale. L'arrestato ha ammesso di aver usato proprio quel programma per scaricare immagini e filmati pedopornografici. A disporre l'arresto è stato il gip Marco Billi su richiesta del pm Antonietta Picardi della procura distrettuale dell'Aquila. Indagini sono in corso per accertare le modalità d'utilizzo del materiale digitale rinvenuto sul computer dello studente universitario, oltre che l'eventuale coinvolgimento di altre persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento