Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Fasano

Per 15 anni in balia del figlio violento: i carabinieri pongono fine all'incubo

Solo nella giornata di ieri (17 giugno) si è interrotta la lunga scia di violenze subite da un'anziana di Fasano, per mano del figlio di 36 anni. La donna era scesa in strada dopo l'ennesima aggressione. Qui ha incrociato una pattuglia di carabinieri della locale compagnia al comando del capitano Pierpaolo Pinnelli, ai quali ha raccontato tutto

FASANO – Solo nella giornata di ieri (17 giugno) si è interrotta la lunga scia di violenze subite da un’anziana di Fasano, per mano del figlio di 36 anni. La donna era scesa in strada dopo l’ennesima aggressione. Qui ha incrociato una pattuglia di carabinieri della locale compagnia al comando del capitano Pierpaolo Pinnelli, ai quali ha raccontato tutto. Il figlio, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Da quanto riferito dalla malcapitata, il figlio perdeva le staffe per questioni a dir poco futili. Bastava un nonnulla, come ad esempio dei piatti sporchi nella lavastoviglie, per scatenare la sua ira. La vittima ha subito in silenzio per 15 lunghi anni. Nella mattinata di ieri si è toccato il punto di non ritorno. In preda all’ennesimo attacco di collera, il 36enne ha iniziato a percuotere la donna con un manico di scopa. Questa si è diretta in strada in lacrime, proprio nello stesso momento in cui transitava una pattuglia dell'Arma.

L’uomo è stato subito accompagnato in caserma. La donna è stata invece condotta in ospedale, dove le sono state refertate delle ferite con qualche giorno di prognosi. Con le forze dell’ordine, poi, l’anziana si è sfogata, ricostruendo le continue minacce e mortificazioni commesse dal figlio, senza nessun valido motivo. Adesso, finalmente, l’incubo è finito.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per 15 anni in balia del figlio violento: i carabinieri pongono fine all'incubo

BrindisiReport è in caricamento