Cronaca

Perquisizioni a Brindisi nel rione Sant’Elia: revolver e droga in via Cellini, due denunce

Controlli dei militari della Compagnia di Brindisi e del Norm nelle palazzine del quartiere: l'operazione è iniziata all'alba, caccia ad armi e droga. Trovate un'arma, hashish, cocaina e denaro ritenuto provento dello spaccio: erano nascosti in due abitazioni e in cassette di derivazione elettrica

BRINDISI – Perquisizioni in via Cellini, nel rione Sant’Elia, a Brindisi dalle prime ore di questa mattina (venerdì 15 luglio): i carabinieri hanno avviato una serie di controlli nelle palazzine popolari a caccia di armi e droga.

carabinieri rione sant'elia-2L’operazione è iniziata attorno alle 5 e si è conclusa intorno alle 9. Sono stati impegnati i militari della Compagnia di Brindisi, al comando del capitano Luca Morrone, il Norm diretto dal tenente Luca Colombari con il colonnello Nicola Conforti. Gli uomini del Nucleo investigativo del Reparto operativo diretti dal capitano Mariano Giordano. Decine e decine i carabinieri che hanno perquisito sia i vani dei condomini, le parti comuni dello stabile, dove in precedenti occasioni sono state nascoste sostanze stupefacenti e armi, sia le abitazioni. Sono stati, inoltre, sottoposti a controlli i detenuti agli arresti domiciliari. I dettagli dell'operazione saranno resi noti nelle prossime ore. 

Le perquisizioni si sono concentrate nella palazzina del civico 29, teatro alla fine dello scorso mese di maggio, di una sparatoria dai contorni ancora misteriosi: in due rimasero feriti, ma gli autori non sono stati identificati, né tanto meno è stato accertato il movente dell’episodio.

carabinieri rione sant'elia ter-2La sparatoria avvenne nel primo pomeriggio del 30 maggio scorso: ad entrare in azione, stando alla ricostruzione dei carabinieri, sarebbero state due persone in sella a uno scooter, a essere feriti furono Cosimo Iurlaro, 45 anni, e Giuseppe Caputo, 58. Entrambi furono ricoverati in ospedale, a Brindisi.

In quella occasione i militari non ottennero alcuna collaborazione dai residenti. 

L'attività di controllo si è conclusa attorno alle 13 con la scoperta di un revolver e sostanza stupefacente, già confezionata e pronta per essere destinata allo spaccio: la contestazione è stata mossa nei confronti di due residenti, M.M, 19 anni, e A.G, 21,. denunciati a piede libero. Nelle abitazioni dei ragazzi sono stati scoperti, complessivamente, dieci grammi di hashish e la somma di 6.500 euro, considerata provento dell'attività di vendita della sostanza stupefacente. Tutto posto sotto sequestro.

Le perquisizioni sono state estese anche alle parti comuni della palazzina di via Cellinim civico 29, partendo dalla cassette di derivazione elettrica, dove in passato sono state trovate armi. Il sospetto che potesse essere rimasto proprio quello come nascondiglio ha avuto conferma quando i militari hanno trovato un revolver e otto grammi di cocaina in una cassetta.

L'operazione di oggi ha portato all'identificazione di 200 persone e al controllo di 40 mezzi, tra auto e moto.

articolo aggiornato alle 13.55

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perquisizioni a Brindisi nel rione Sant’Elia: revolver e droga in via Cellini, due denunce

BrindisiReport è in caricamento