menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perseguita una cliente: arresto e divieto di avvicinamento per macellaio

Fine di un incubo per una 41enne di Latiano vittima per mesi e mesi di uno stalker: un uomo di 61 anni che si era invaghito di lei a tal punto da renderle la vita impossibile

LATIANO – Fine di un incubo per una 41enne di Latiano vittima per mesi e mesi di uno stalker: un uomo di 61 anni che si era invaghito di lei a tal punto da renderle la vita impossibile. I carabinieri della stazione di Latiano, al comando del maresciallo Luigi D’Oria, lo hanno arrestato in flagranza di reato durante l’ennesimo “atto persecutorio”. Il gip Stefania De Angelis dopo la convalida ha disposto il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, mantenendo una distanza di almeno 500 metri dalla stessa e dall’abitazione di quest’ultima, con divieto assoluto di comunicare con la donna anche in forma scritta, a mezzo del telefono e della rete internet. L’arresto è stato disposto dal pubblico ministero Iolanda Daniela Chimienti.

Come già accennato, per la vittima di questo ennesimo caso di stalking, per altro sposata, era iniziato un vero e proprio incubo.  Il 61enne è un macellaio e la 41enne una sua cliente. Le telefonava ripetutamente e la pedinava “fino a generare nella vittima uno stato di ansia e insicurezza”, si legge in una nota dei carabinieri a cui la vittima si era rivolta dopo aver capito che non c’era altra via d’uscita. Del fatto era stato informato anche il marito che aveva cercato di porre fine alla situazione invitando il commerciante a non continuare a perseguitare sua moglie, ma senza risultato.

“Il comportamento, all’inizio semplicemente fastidioso dello stalker, è diventato sempre più insistente procurando nella donna un continuato stato d’ansia. La vittima ha dovuto modificare le sue abitudini, andare a fare la spesa in posti diversi da quelli che frequentava, per evitare spiacevoli incontri con l’uomo. Nonostante tutto sono incominciate le telefonate, via via sempre più insistenti, tant’è che, sempre più preoccupata per la sua incolumità, la donna è stata costretta a raccontare tutto al marito e sporgere denuncia nei confronti dello stalker per i fatti da lei patiti”.

I carabinieri per mettere fine a quanto stava accadendo hanno organizzato un servizio con lo scopo di cogliere in flagranza il molestatore: mentre la vittima passeggiava per le vie del centro è stato notato mentre la seguiva e tentava un approccio con lei. In quel momento sono intervenuti  carabinieri che lo hanno arrestato e posto ai domiciliari. Il 61enne è difeso dall’avvocato Giancarlo Camassa mentre la 41enne dal legale Antonio Sartorio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento