menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri davanti alla stazione ferroviaria di San Pancrazio Salentino

Carabinieri davanti alla stazione ferroviaria di San Pancrazio Salentino

Pestaggio per una ragazza contesa: una passante chiama i carabinieri

Denunciati due giovani di San pancrazio che con un bastone appuntito avrebbero picchiato un altro giovane del posto

SAN PANCRAZIO SALENTINO – E’ stato picchiato in strada con un bastone appuntito, per una ragazza contesa. Una passante, terrorizzata, non ha esitato un solo istante a chiedere l’intervento dei carabinieri attraverso il 112. Grazie al tempestivo intervento dei militari, sono stati denunciati i responsabili di una violenta aggressione avvenuta ieri (30 marzo) a San Pancrazio Salentino. Si tratta di due 21enni del posto (F.C. e M.V. le iniziali dei loro nomi). La vittima è un 24enne, sempre del posto. 

Alla scena ha assistito una donna di San Pancrazio che mentre si trovava a bordo della sua auto, nel transitare nei pressi della stazione ferroviaria, ha notato un ragazzo che tentava di fermarla, chiedendo disperatamente aiuto, mentre veniva picchiato selvaggiamente da due persone.  La donna, in preda al panico, ha subito allertato i militari. Sul posto sono state dirottate due pattuglie in servizio in quella parte del territorio, quella della stazione di San Pancrazio Salentino e in ausilio quella della stazione di San Donaci. 

Sul luogo dell’evento le forze dell’ordine hanno riscontrato solo la presenza del malcapitato. Per questo è stato chiesto l’intervento dei sanitari del 118, che hanno condotto il malcapitato presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Brindisi, dove gli è stato diagnosticato un “trauma cranico minore e trauma contusivo all’emicostato destro”. 

I carabinieri, grazie a una serie di accertamenti investigativi, nel frattempo avevano appurato che il giovane era stato aggredito con un bastone in legno  appuntito su entrambi i lati, della lunghezza di 1 metro, che nel corso dell’attività è stato sottoposto a sequestro. I due aggressori sono stati dunque rintracciati identificati e denunciati per lesioni personali  aggravate in concorso. Per quanto concerne il movente è da ascrivere a motivi passionali, per una ragazza del luogo contesa tra la vittima e uno degli aggressori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento