rotate-mobile
Cronaca Francavilla Fontana

Pizzo su smartphone rubato: baby-gang in cella

FRANCAVILLA FONTANA – Baby gang in azione a Francavilla Fontana: un minore ruba uno smartphone dall'abitazione di una donna, lo cede ad altri coetanei che insieme a un maggiorenne lo restituiscono alla proprietaria in cambio di denaro rendendosi responsabili di estorsione.

FRANCAVILLA FONTANA - Baby gang in azione a Francavilla Fontana: un minore ruba uno smartphone dall'abitazione di una donna, lo cede ad altri coetanei che insieme a un maggiorenne lo restituiscono alla proprietaria in cambio di denaro rendendosi responsabili di estorsione. Ma la vittima si rivolge ai carabinieri e li fa arrestare. In manette sono finiti Cosimo Apruzzese 18 anni, un 16enne e un 17enne.

Tutto è iniziato e si è concluso nella giornata di ieri quando una donna si è recata presso la caserma dei carabinieri della compagnia di Francavilla, diretta dal maggiore Giuseppe Prudente, per raccontare di essere rimasta vittima del furto del suo cellulare qualche giorno prima e che ieri stesso aveva ricevuto una telefonata in cui le veniva chiesto denaro in cambio della restituzione dello smartphone (si trattava di un Samsung).

I militari hanno così disposto il servizio di appostamento per organizzare la cattura dei malfattori. Hanno proposto alla vittima di suggerire come location per lo scambio la stazione ferroviaria. La somma richiesta era di 300 euro ma al momento dell'incontro è stata ridotta a 150. Due estorsori si sono recati in stazione, uno è rimasto nei paraggi, hanno incontrato la donna e dopo qualche minuto di "contrattazione" si sono fatti consegnare il denaro.

Mentre stavano andando via sono stati circondati dai carabinieri e trasferiti in caserma. Su disposizione del pm di turno Raffaele Casto il maggiorenne è stato portato in carcere mentre i due minorenni, su disposizione del pm per i minori Anna Carbonara sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monteroni. Oltre al reato di estorsione devono rispondere di ricettazione. L'autore del furto, un altro minorenne, invece, è stato denunciato a piede libero.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzo su smartphone rubato: baby-gang in cella

BrindisiReport è in caricamento