Dosi di cocaina nascoste in un pensile della cucina: nei guai un brindisino

Arrestato e subito rilasciato un 52enne residente al rione Paradiso. La polizia ha recuperato circa 14 grammi di droga

Foto di repertorio

BRINDISI – Aveva nascosto in un pensile della cucina 24 dosi termosaldate di cocaina. Un brindisino di 52 anni, A.C., già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile di Brindisi per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo, residente al rione Paradiso, nella giornata di ieri (giovedì 7 maggio) ha ricevuto la visita dei poliziotti. Gli agenti hanno ispezionato l’abitazione, fino a quando non hanno aperto un mobile della cucina al cui interno si trovava un sacchetto contenente circa 14 grammi di polvere bianca. Il 52enne dopo l’arresto, di concerto con la Procura di Brindisi, è stato rimesso in libertà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento