Cronaca Ceglie Messapica

Polizze assicurative sospette al Comune: Ciracì scrive al prefetto

Il senatore Nicola Ciracì ha scritto al prefetto affinché si faccia chiarezza sul presunto conflitto di interessi che vedrebbe coinvolto il sindaco di Ceglie Luigi Caroli, titolare di un'agenzia di assicurazioni che ha emesso delle polizze fideiussorie aventi come contranti dei soggetti privati (fra cui la ditta Cogeir) e come beneficiario il comune di Ceglie

CEGLIE MESSAPICA – Il senatore Nicola Ciracì ha scritto al prefetto di Brindisi, Nicola Prete, affinché si faccia chiarezza sul presunto conflitto di interessi che vedrebbe coinvolto il sindaco di Ceglie Luigi Caroli, titolare di un’agenzia di assicurazioni che ha emesso delle polizze fideiussorie aventi come contranti dei soggetti privati (fra cui la ditta Cogeir) e come beneficiario il comune di Ceglie, governato appunto da Caroli. Ciracì, che sostiene il candidato sindaco del centrodestra Angelo Maria Perrino, aveva tirato fuori questa polemica già qualche settimana fa.

Caroli, ricandidatosi al ruolo di primo cittadino, replicò definendo “una calunnia il fatto dell’ esistenza di rapporti di lavoro con la ditta Cogeir nati successivamente alle elezione di Luigi Caroli a sindaco, in quanto la ditta che gestisce il servizio raccolta dei rifiuti era già cliente da anni dello stesso sindaco e che l’affidamento dell’ appalto era già avvenuto con l’amministrazione Federico”.

Ma adesso la questione approda in prefettura. Ciracì (e insieme a lui i consiglieri comunali Gatti, Gallone, D'Ippolito, Il sindaco Luigi CaroliGianfreda e Piccoli) contesta altre tre polizze, oltre a quella emessa per conto della Cogeir: una ha “quale contraente ed obbligato principale la AMG Costruzioni S.r.l. e quale beneficiario il Comune di Ceglie Messapica, a garanzia dell’adempimento dei lavori di adeguamento della rete di fognatura pluviale nella zona S/O dell’abitato”; la seconda “ha quale contraente garantito il sig. G. F. e quale beneficiario il Comune di Ceglie Messapica, in relazione ai lavori interessanti un immobile sito in Contrada Montevicoli”; “avente quale contraente S. C. e quale beneficiario il Comune di Ceglie Messapica, in relazione al PDC n. 7194”.

A detta di Ciracì, “tutte le suddette polizze risultano emesse dall’agenzia Sara Vita Spa e Sara Assicurazioni Spa, di cui è titolare lo stesso Caroli”. Ciracì, attraverso la nota inviata al prefetto e un esposto presentato lo scorso 22 aprile al segretario generale del comune e al comandante della polizia municipale, ritiene che via siano altre polizze sospette, “magari non protocollate  ma contenute nei carteggi dei singoli procedimenti”.

“In caso di inadempimento del privato – si legge nella nota inviata al prefetto - lo stesso Caroli, come Sindaco, avrebbe dovuto valutare l’inadempimento del proprio assicurato (sic) e quindi azionare la polizza fideiussoria a tutela degli interessi dell’Ente, ma come agente, avrebbe dovuto non farlo, a tutela degli interessi del fideiussore”.

Ciracì rimarca inoltre come non abbia avuto ancora alcun riscontro l’esposto inviato al segretario generale e al comandante della Municipale, riferendo che “in via informale il segretario Generale ha fatto intendere che provvederà solo ed esclusivamente a consegnare carteggio al termine dell’elezioni amministrative, malgrado i tempi previsti dalla legge”.

“Risulta evidente che ancora una volta  - conclude il senatore - viene violato il diritto/dovere di controllo del consigliere comunale con evidente rischio di non trasmettere il dovuto carteggio alle competenti autorità giudiziarie, pertanto chiedo il suo intervento affinché quanto richiesto nel rispetto delle norme venga consegnato ai richiedenti entro e non oltre il 22 p.v”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizze assicurative sospette al Comune: Ciracì scrive al prefetto

BrindisiReport è in caricamento