rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Carovigno

Posti agli ambulanti senza bando: indagati sindaco e assessore

CAROVIGNO – I vucumprà "s’incazzano come i neri” e arrivano due avvisi di garanzia: al sindaco Vittorio Zizza e all’assessore alle Attività produttive Leonardo Simeone. A notificarli gli agenti della Digos, guidati dal vice questore Vincenzo Zingaro dopo l’inchiesta firmata dal pubblico ministero Valeria Farina Valaori. Al centro dell’indagine i posti per venditori ambulanti sul lungomare di Santa Sabina che sarebbero stati assegnati in materia dubbia: ossia in assenza di regolare bando pubblico e relativa graduatoria.

CAROVIGNO - I vucumprà "s'incazzano come i neri" e arrivano due avvisi di garanzia: al sindaco Vittorio Zizza e all'assessore alle Attività produttive Leonardo Simeone. A notificarli gli agenti della Digos, guidati dal vice questore Vincenzo Zingaro dopo l'inchiesta firmata dal pubblico ministero Valeria Farina Valaori. Al centro dell'indagine i posti per venditori ambulanti sul lungomare di Santa Sabina che sarebbero stati assegnati in materia dubbia: ossia in assenza di regolare bando pubblico e relativa graduatoria.

"Tempi stretti, l'estate era alle porte e non potevamo attendere i 60 giorni del bando" - spiega il primo cittadino dichiarandosi fiducioso nei confronti della magistratura. La sua verità arriverà in una memoria difensiva. A produrre il terremoto nell'amministrazione di Carovigno la denuncia di due ambulanti marocchini che si erano visti "scavalcare" da otto commercianti del posto, che oltretutto non avrebbero mai nemmeno sganciato un euro per la Tosap (la Tassa per l'occupazione di suolo pubblico).

Secondo il magistrato sarebbe ravvisabile un ingiusto vantaggio procurato per alcuni commercianti in danno degli aspiranti. A questo si aggiungerebbe un danno agli introiti delle casse comunali per il mancato incasso della tassa. "Abbiamo cercato di non gravare troppo su attività in difficoltà - dice Zizza - per quanto attiene al bando non avremmo potuto aspettare 60 giorni l'estate era alle porte. Non ho fatto altro che rilasciare un'autorizzazione ai commercianti che dopo un accordo tra loro mi hanno consegnato un elenco sulla base dell'intesa". Il primo cittadino ribadisce piena fiducia nel corso della magistratura e parla di una qualche macchinazione ordita da qualche scontento di palazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posti agli ambulanti senza bando: indagati sindaco e assessore

BrindisiReport è in caricamento