rotate-mobile
Cronaca

Presentati calendario e agenda 2019 dell'Arma dei carabinieri

I siti patrimonio dell'umanità sono il tema centrale della nuova edizione, presentata a Brindisi dal colonnello De Magistris

BRINDISI – I 40 anni dell’insediamento del primo sito italiano nel patrimonio mondiale dell’umanità e il mezzo secolo di storia del reparto per la tutela del patrimonio culturale, oltre alla Via Francigena, l'antica Via che nel medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia, Brindisi compreso, sono i temi centrali del calendario 2019 dell’Arma dei carabinieri, che stamattina (giovedì 29 novembre) è stato presentato presso la scuola sottufficiali carabinieri di Roma, presenza del ministro per i Beni e le Attività Culturali, del sottosegretario al Ministero della Difesa  Angelo Tofalo e del comandante generale dell’Arma Giovanni Nistri.

Contestualmente si sono svolte delle cerimonie di presentazione del calendario presso le sedi dei comandi provinciali dell’Arma. A Brindisi, il comandante provinciale, colonnello Giuseppe De Magistris, ha incontrato i giornalisti, per presentare l’opera.

Il calendario 2019 dell'Arma dei carabinieri

Le pagine del Calendario presentano una carrellata dei siti italiani tutelati dall’Unesco. Sono stati “inseriti tutti con immagini o menzioni tali da fornire una visione complessiva della varietà di scenari della nostra penisola” – ha dichiarato nel suo intervento il Comande Generale Giovanni Nistri. In parallelo è riportato in breve il percorso evolutivo dei Carabinieri negli ultimi decenni, a partire dal Comando Tutela Patrimonio Culturale avviato nel 1969, che di recente ha fornito i primi “caschi blu della cultura” all’Unesco. Accompagnano le immagini dei luoghi simbolo della Nazione le altre articolazioni dell’Arma, attraverso la rappresentazione di uniformi e “principalmente di volti. Il volto” - ha proseguito il generale Nistri - “è lo specchio dell’anima, come i luoghi sono lo specchio di un Paese. E quelli presenti nelle tavole… stanno ben attenti a non invaderle. Si fondono nell’insieme…perché noi siamo e ci sentiamo parte integrante del paesaggio italiano, inteso come identità nazionale”.

L’Agenda Storica 2019 è incentrata sul tema “I Carabinieri nella letteratura”, con uno specifico inserto curato dal Prof. Pietro Sisto. Viene proposta una carrellata di romanzi dedicati ai Carabinieri nel corso dei due secoli della loro storia. Tra le opere dell’Ottocento si trovano il carme “La rassegna di Novara” di Costantino Nigra, con il verso “usi obbedir tacendo e tacendo morir”, Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi e il libro Cuore di Edmondo De Amicis.

Fra i classici del Novecento si ricordano I Racconti del Maresciallo di Mario Soldati e Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia. Si arriva infine ai nostri giorni, con i romanzi di Andrea Camilleri e Gianrico Carofiglio, di Carlo Lucarelli e Giancarlo De Cataldo, dell’ospite Piero Colaprico e di altri ancora.

La manifestazione è stata l’occasione per presentare altre due opere editoriali: il Calendarietto da tavolo, dedicato alla Via Francigena e alle riserve naturali protette dai carabinieri Forestali e il Planning da tavolo che tratta le Città Italiane Capitali Europee della Cultura. Il ricavato del calendarietto sarà devoluto all’Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri (ONAOMAC) e quello del planning all’ospedale pediatrico “Gaslini” di Genova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentati calendario e agenda 2019 dell'Arma dei carabinieri

BrindisiReport è in caricamento