menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altri controlli della polizia a Ostuni: perquisizioni e denunce

Prosegue il pressing sulla malavita della Città Bianca. Verifiche nei locali, per un bar proposta chiusura temporanea

OSTUNI - Quattro persone denunciate, a una quinta notificata la misura della libertà controllata con prescrizioni, dieci perquisizioni domiciliari e veicolari a carico di soggetti già noti alla giustizia, quattro verbali per violazioni al Codice della Strada.

Si condensano in questi dati i risultati dei controlli straordinari che il commissariato di Ostuni della Polizia di Stato continua a condurre nel territorio di competenza, in questo caso con l’ausilio della Polstrada, dei Reparti di prevenzione crimine di Lecce e Bari, di unità cinofile della Polizia di Frontiera e in collaborazione con la Polizia locale della Città Bianca.

A ciò si aggiungano le ispezioni e verifiche avviate nei confronti di esercizi pubblici e nei riguardi di un bar del centro cittadino, verso cui sono state avviate le procedure amministrative per la chiusura temporanea essendo stata riscontrata l’assenza delle totali condizioni igienico-sanitarie per la somministrazione di alimenti e bevande.

L’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Lecce per l’applicazione della misura della libertà controllata con prescrizioni, è stata notificata dalla polizia a G.M., ostunese di 46 anni, condannato per reati relativi allo spaccio.

Una delle persone denunciate è D.G., 59 anni di Cisternino, residente a Ostuni, che al momento del controllo da parte degli agenti era in compagnia di un soggetto pregiudicato. In tal modo, D.G. ha violato uno degli obblighi imposti dal regime di sorveglianza speciale cui è sottoposto.

G.L, 40 anni, residente a Ceglie Messapica, è stato sorpreso a Ostuni da una delle pattuglie impegnate nel servizio di controllo, in totale violazione del provvedimento del Divieto di ritorno nel Comune ostunese e relative frazioni emesso dalla Questura di Brindisi.

Un provvedimento della Procura della Repubblica di Brindisi è stato notificato invece al 42enne ostunese A.C., perché indagato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Infine, S.N. di 46 anni, anche lei ostunese, è stata trovata in possesso di grammi 5,5 di hascisc, quindi è stata anche segnalata al prefetto di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento