rotate-mobile
Cronaca

Presunto ordigno al largo di Acque Chiare: spiaggia interdetta alla balneazione

I vigili urbani hanno delimitato con un nastro la spiaggetta di località Acque Chiare, di fronte al parco Sbitri, interdetta alla balneazione, alla pesca, all'ancoraggio, al transito e alla navigazione in seguito al rinvenimento di un presunto ordigno bellico circa 50 metri a largo della battigia, a 2 metri di profondità

BRINDISI – I vigili urbani hanno delimitato con un nastro la spiaggetta di località Acque Chiare, di fronte al parco Sbitri, interdetta alla balneazione, alla pesca, all’ancoraggio, al transito e alla navigazione in seguito al rinvenimento di un presunto ordigno bellico circa 50 metri a largo della battigia, a 2 metri di profondità.

L’ordinanza di interdizione è stata I vigili urbani delimitano la spiaggia di Acque Chiare-2emessa sabato 23 agosto dalla Capitaneria di Porto di Brindisi, in seguito alla segnalazione di un bagnante riguardante la presenza di un oggetto cilindrico della lunghezza di circa 90 centimetri, su un fondale misto (sabbioso e roccioso). I militari della capitaneria erano intervenuti già ieri mattina (24 agosto) per eseguire l’ordinanza, delimitando l’area.

Ma alcuni cittadini hanno violato i sigilli, facendosi il bagno come se nulla fosse. Stamani (25 agosto) si è reso quindi necessario l’intervento degli agenti della polizia municipale. Il provvedimento resterà vigente fino a quando non si valuterà la natura dell’oggetto che giace sul fondale. Il presunto ordigno era stato segnalato con un boa da sub di colore rosso, con bandierina dello stesso colore, finita poi in balia della corrente. Nelle prossime ore verrà espletato un sopralluogo, eventualmente seguito dalle operazioni di bonifica.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunto ordigno al largo di Acque Chiare: spiaggia interdetta alla balneazione

BrindisiReport è in caricamento