menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Leuzzi

Gabriele Leuzzi

Prima gli spari, poi spunta la cocaina

CELLINO SAN MARCO – Da vittima di spari contro la sua casa ad arrestato per spaccio. Tutto nel giro di poche ore.

CELLINO SAN MARCO - Da vittima di spari contro la sua casa ad arrestato per spaccio. Tutto nel giro di poche ore. È quanto accaduto la notte scorsa, a un 35enne di Cellino San Marco Gabriele Leuzzi. Ignoti hanno esploso due colpi di fucile contro l'abitazione della suocera in via Cacciatore a Cellino San Marco, dove il 35enne era detenuto fino a ieri agli arresti domiciliari, ma quando i carabinieri hanno perquisito la sua casa a San Donaci, dove Leuzzi si trovava al momento della sparatoria, hanno trovato cocaina suddivisa in dosi e materiale per il confezionamento.

Leuzzi è stato arrestato per detenzione di stupefacenti e ora i carabinieri cercano i responsabili della sparatoria. In queste ore i militari della stazione di Cellino San Marco, al comando del maresciallo Giuseppe Milo, stanno eseguendo alcune perquisizioni a carico di gente sospetta. Non si esclude che la vicenda porti a nuovi arresti.

I colpi di fucile calibro 12 hanno mandato in frantumi la vetrata (via Luigi Cacciatore è una traversa della centralissima via Bari) della suocera di Leuzzi. Quando i carabinieri si sono recati sul posto per il sopralluogo, però, hanno scoperto che da un giorno l'uomo si era trasferito a San Donaci. La perquisizione, quindi, è stata estesa nel Comune limitrofo e lì i carabinieri hanno trovato 2,1 grammi di cocaina suddivisa in 5 dosi, sostanza da taglio, vario materiale per il confezionamento e un bilancino precisione. Il tutto sottoposto a sequestro. Leuzzi, quindi, è stato arrestato. Per lui il pm di turno ha disposto nuovamente gli arresti domiciliari.

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento