rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Prima lo schiaffo alla madre, poi la morte: figlio condannato a 10 anni

Riconosciuto colpevole della tragedia Daniele Massari: la lite per il prezzo del formaggio

BRINDISI – Prima lo schiaffo alla madre durante una lite per futili motivi, poi la morte della donna: per quella tragedia, il Tribunale di Brindisi ha condannato a dieci anni il figlio, Daniele Massari, 43 anni.

L’imputato, accusato del decesso della madre, Rita Bove, 68 anni, come conseguenza di maltrattamenti in famiglia, è stato riconosciuto colpevole con sentenza del giudice per l’udienza preliminare, davanti al quale è stato incardinato il processo con rito abbreviato. Secondo l’accusa la causa della morte è direttamente riconducibile al trauma provocato dallo schiaffo.

La lite e l’aggressione avvennero nell’abitazione di famiglia il 13 ottobre 2016. Stando impostazione sostenuta dalla Procura, il diverbio era legato al prezzo di un formaggio acquistato in precedenza. Il verdetto di primo grado è stato pronunciato nella serata di ieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima lo schiaffo alla madre, poi la morte: figlio condannato a 10 anni

BrindisiReport è in caricamento