Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Via Primo Longobardo

Momenti di spavento per un principio di incendio nella scuola Kennedy

Un cortocircuito ha provocato una fiammata che ha bruciato in parte uno zainetto. Due vigili del fuoco fuori servizio sono subito intervenuti con un estintore. Nessun ferito

BRINDISI – Un principio di incendio negli spogliatoi della palestra ha provocato momenti di grande apprensione all’interno della scuola Kebbedy situata in via Primo Longobardo, al rione Casale, nei pressi degli uffici amministrativi dell’Asl Brindisi. L’episodio si è verificato intorno alle ore 13,45, quando stava per suonare la sirena dell’ultim’ora.

A tal proposito va detto che secondo alcuni genitori, sulla base di quanto riferito dai figli, non è stata azionata la sirena antincendio (il cui scuola kennedy chiusa-2suono gli alunni conoscono bene, avendo fatto in passato delle esercitazioni), ma semplicemente la campanella che segna l’orario di ingresso e di uscita delle lezioni. Su questo andranno fatte delle verifiche. 

Sul posto nel giro di pochi minuti si sono recati i vigili del fuoco, i soccorritori del 118 a bordo di un’ambulanza, la polizia, i carabinieri e gli agenti della polizia municipale, che hanno chiuso l’accesso in via Primo Longobardo ai veicoli provenienti da via Amerigo Vespucci. Per fortuna nessuno è rimasto ferito.

La sfiammata originata da un cortocircuito, da quanto appreso, ha riempito il locale di fumo, bruciando in parte uno zainetto. Due vigili del fuoco fuori servizio che aspettavano i figli all'esterno della scuola sono subito intervenuti con un estintore, evitando conseguenze peggiori. I pompieri hanno effettuato delle verifiche sull’impianto elettrico. Va detto che gli alunni hanno lasciato senza patemi d’animo l’istituto, attesi dai genitori. 

La scuola domani, venerdì 16 dicembre resterà chiusa. Le lezioni riprenderanno regolarmente lunedì 19 dicembre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Momenti di spavento per un principio di incendio nella scuola Kennedy

BrindisiReport è in caricamento