menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Stipendi e 13esima in ritardo": stato d'agitazione dei lavoratori della Igeco

Uil: "“Le retribuzioni del mese di novembre 2016 nonché della 13esima mensilità devono essere erogate entro il 15 del mese di dicembre la prima ed entro il 20 dicembre la seconda"

CELLINO SAN MARCO – Il sindacato Uil Trasporti, insieme alla Rsa, ha proclamato lo stato d’agitazione dei lavoratori della ditta Igeco, appaltatrice del servizio di raccolta dei rifiuti per conto del Comune di Cellino San Marco, dopo l’ennesimo ritardo nel pagamento degli stipendi. L’organizzazione sindacale, attraverso una nota a firma del segretario territoriale Cosimo Greco, si dice “seriamente preoccupata per le retribuzioni del mese di novembre 2016 nonché della 13esima mensilità, che devono essere erogate entro il 15 del mese di dicembre la prima ed entro il 20 dicembre la seconda (e oggi siamo al 19 dicembre, ndr)”.

“Le motivazioni di tale preoccupazione – afferma Cosimo Greco - sono legate ai ripetuti e consolidati ritardi dei mesi precedenti, in quanto i lavoratori hanno percepito le retribuzioni abbondantemente dopo il 15 del mese fino ad arrivare addirittura al 26”.

A detta dell’organizzazione sindacala non ha avuto alcun riscontro la precedente nota del 2 dicembre. Per questo la Uil Trasporti chiede “nuovamente, al sindaco e all'assessore al ramo, la convocazione di un incontro urgente compresa la società Igeco, al fine di trovare soluzioni condivise, tanto da non creare difficoltà economiche ai lavoratori alla vigilia delle Festività del Santo Natale”.

Contestualmente la Uil Trasporti e la Rsa hanno avviato le procedure di raffreddamento, ai sensi della Legge 146/90 e s.m.i., e proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale Igeco del comune di Cellino San Marco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento