Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Progetto gratuito per fermare l'oltraggio a S.Maria del Casale

Italia Nostra non intende entrare nella diatriba sulla sosta selvaggia attorno alla chiesa di Santa Maria del Casale, ma ha una proposta interessante per risolvere il problema: un progetto aggiornato di sistemazione dell'area, che l'associazione è disposta a offrire gratuitamente al Comune di Brindisi

Italia Nostra non intende entrare nella diatriba sulla sosta selvaggia attorno alla chiesa di Santa Maria del Casale, ma ha una proposta interessante per risolvere il problema: un progetto aggiornato di sistemazione dell'area, che l'associazione è disposta a offrire gratuitamente al Comune di Brindisi. Una proposta analoga fatta in passato era stata toralmente ignorata. A Brindisi si preferisce litigare piuttosto che affrontare concretamente le questioni. Sarà questa la volta buona? Ecco una nota di Italia Nostra sulla vicenda.

Apprendiamo dagli organi di informazione che il parroco della chiesa di Santa Maria del Casale, don Maurizio Caliandro, ha ritenuto opportuno avvertire a suo modo gli automobilisti, multati dalla Polizia Municipale per aver parcheggiato la propria auto in prossimità del monumento trasgredendo il vigente divieto, informandoli che “la sosta è autorizzata dal Santuario, di conseguenza non incorre nel divieto di transito, non essendoci altro modo per raggiungere tale area.” E lo fa con un volantino, con timbro della chiesa, lasciato sul parabrezza degli automezzi in sosta, con la precisazione che l’auto è “in sosta su proprietà privata (part.124 f.29) ad uso del Santuario di S. Maria del Casale, come da comodato d’uso.

2016 foto chiesa 2-2È il caso di rilevare che da molti anni l’azione della Polizia Municipale è volta alla tutela di un bene monumentale di assoluto e indiscusso valore storico-artistico, poiché cittadini privi del minimo rispetto nei confronti del monumento e del luogo di culto continuano a posteggiare lungo i muri perimetrali della chiesa. Quindi l’azione dei vigili è rivolta non già – come alcuni, non senza una certa malizia, ipotizzano - a rimpinguare le casse dell’amministrazione (“fare cassa rubando ai fedeli” azzardava qualcuno), ma a restituire rispetto e decoro all’area, considerate anche le numerose segnalazioni che pervengono da turisti stranieri e visitatori.

È pure innegabile, ovviamente, che don Maurizio sia spinto da ragioni altrettanto rispettabili: evitare che i fedeli siano dissuasi dal frequentare il luogo di culto e incentivare quanto più possibile i parrocchiani a presenziare alle funzioni religiose. In questo momento non interessa entrare nel contraddittorio, anche perché  la stampa ha riportato la notizia di una già avvenuta pacificazione, ma piuttosto ribadire ancora una volta l’urgenza di dare dignità al bene monumentale provvedendo alla sistemazione dell’area di rispetto, per impedire innanzitutto il transito e la sosta degli automezzi a ridosso della chiesa e realizzando un’area di posteggio ben organizzata.

2016 foto chiesa 1-2La Sezione di Italia Nostra sin dal 2008 ha posto all’attenzione delle amministrazioni comunali che si sono succedute (sindaci Mennitti e Consales) e della Soprintendenza ai Beni Architettonici di Lecce la necessità di riqualificare l’area, mettendo a punto un primo
progetto di sistemazione, che avrebbe ceduto a titolo gratuito, firmato dall’arch. Panaiotti, allora consigliere nazionale, presentato nell’ottobre 2010 durante un convegno sul tema. Ma non ha mai ricevuto risposte, nonostante i continui e pressanti interventi presso
il Comune, l’Arcidiocesi, la Soprintendenza, l’Aeronautica Militare, Aeroporti di Puglia e Onu.

Alla luce delle mutate concessione delle aree, nel 2015 la Sezione di Italia Nostra ha provveduto a rivedere quell’idea, con una proposta aggiornata di riqualificazione, grazie a un secondo progetto realizzato dalla dr.ssa in architettura Elena Calderari; anche in questo caso – per inciso - è previsto un adeguato parcheggio, per la tranquillità dei fruitori del luogo di culto, don Maurizio in testa. A fine febbraio è stato quindi chiesto un incontro urgente al commissario prefettizio Cesare Castelli, perché visioni il progetto che, anche questa volta sarà ceduto a titolo gratuito al Comune, la cui attuazione, peraltro, comporterebbe un impegno economico limitato, stante la sobrietà e l’essenzialità degli interventi.

Solo l’impegno congiunto e corale di istituzioni laiche e religiose e dell’associazione potrà finalmente porre fine al continuo oltraggio, con soluzioni progettuali adeguate ed esteticamente apprezzabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto gratuito per fermare l'oltraggio a S.Maria del Casale

BrindisiReport è in caricamento