Cronaca Torchiarolo

Promozione e tutela eccellenze del territorio: presentato il marchio Dot

Presentato ufficialmente alla cittadinanza il nuovo progetto del Comune di Torchiarolo finalizzato a dare un'identità alle produzioni locali e allo stesso territorio per tutelarne le eccellenze: il marchio Dot

TORCHIAROLO – Presentato ufficialmente alla cittadinanza il nuovo progetto del Comune di Torchiarolo finalizzato a dare un’identità alle produzioni locali e allo stesso territorio per tutelarne le eccellenze: il marchio Dot (Denominazione d’origine territoriale) a cura dell’Istituto italiano certificazione di qualità con sede a Torino.

La cerimonia di conferimento del titolo, che a giudicare dalle premesse cambierà il volto dell’economia locale, si è tenuta nella serata di sabato 11 febbraio nell’aula Valesio del Comune di Torchiarolo, primo comune di Puglia ad aver aderito al progetto. La consegna si è svolta alla presenza di un numeroso pubblico di cittadini provenienti anche dai paesi limitrofi.

antonio martellotti-2

Al banco dei relatori erano seduti, oltre al sindaco Nicola Serinelli, Alessandro Felloni direttore Istituto italiano di certificazione di Qualità Torino, Domenico Laforgia direttore dipartimento sviluppo economico sociale della Regione Puglia, Giuseppe Fossati, direttore quotidiano Cronaca qui di Torino, Ciro Coniglio sindaco di Baucina paese in provincia di Palermo presidente Gal di Palermo, Franco Prodi (fratello dell’ex premier) metereologo e professore universitario di fisica e dell’atmosfera, associato dirigente Cnr, il sindaco di Brindisi Angela Carluccio, il consigliere Antonio Martellotti delegato all’Agricoltura, Bruno Luciani, direttore Tenuta agricola Serradei, e l’assessore alle Politiche sociali Anna Paola Greco.

Dot torchiarolo-2

Secondo quanto si legge nel regolamento che disciplina l’accreditamento Dot “Il Comune individuando, tra propri fini istituzionali anche l’assunzione di adeguate iniziative dirette a sostenere ogni forma di intervento culturale a valorizzazione del patrimonio di tradizioni, cognizioni ed esperienza relative alle attività agro-alimentari riferite a quei prodotti che, per la loro tipicità locale, sono motivo di particolare interesse pubblico e, come tali, meritevoli di valorizzazione, intende avvalersi di un ente certificatore per l’ottenimento della Dot deliberando di accertarne il regolamento”.

dot torchiarolo1-2

I relatori hanno spiegato l’importanza dell’iniziativa finalizzata alla tutela delle eccellenze locali che comprendono sia l’agricoltura che i prodotti tipici e le attività ricettive, necessaria anche per arginare in qualche modo l’emigrazione dei giovani e, perché no, far tornare coloro che hanno tentato la fortuna al Nord. “Tutti i prodotti che nascono da tradizioni che si tramandano nel tempo e sono radicate nella storia del territorio devono avere un marchio identificativo a tutela della tradizione storica che lega produttore e prodotto”, si legge in una slide pubblicata durante la cerimonia.

dot torchiarolo zizza-2

"Presso la competente struttura comunale “verrà istituito, sulla scorta dell’accreditamento Dot, un apposito registro in cui vengono iscritti i produttori locali che, a motivo delle loro caratteristiche e dell’interesse culturale che destano, sono meritevoli di particolare attenzione e rilevanza pubblica. Oltre che un apposito albo per le aziende che producono i prodotti iscritti al registro.  La struttura privata alla quale viene attribuita la competenza dell’accreditamento Dot è l’Istituto italiano certificazione qualità. La certificazione è concessa ai prodotti realizzati dalle aziende in possesso dei requisiti necessari, le aziende produttrici potranno fare domanda di accreditamento all’istituto italiano certificazione qualità, attenendosi al regolamento Dot”.

Regolamento D.O.T.-2

Il "main sponsor" del progetto è "Società Omnia Tux holding Italia", che opera nel settore industriale, alimentare e zootecnico che sembrerebbe sia interessata a investire sul territorio di Torchiarolo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione e tutela eccellenze del territorio: presentato il marchio Dot

BrindisiReport è in caricamento