rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Fasano

Proposta indecente di un tesserato:“3000 euro se ci fate vincere”. La Federazione indaga

FASANO – Potrebbe essere stata addomesticata la gara di calcio tra il Fasano e il San Paolo Bari, campionato interregionale, giocata nello stadio Curlo di Fasano e vinta dalla squadra di casa. L’illecito è stato ipotizzato dalla società barese che ha denunciato, anche attraverso un filmato pubblicato sul sito on line del quotidiano “La repubblica”, dalla società San Paolo la quale sostiene che un giocatore della sua squadra, tale De Camargo junior, sarebbe stato avvicinato il giorno prima della gara da un dirigente della squadra avversaria, il quale gli avrebbe offerto un acconto di 500 euro per fare in modo che i padroni di casa vincessero, e a risultato acquisito gli avrebbe dato altri 1.500 euro.

FASANO - Potrebbe essere stata addomesticata la gara di calcio tra il Fasano e il San Paolo Bari, campionato interregionale, giocata nello stadio Curlo di Fasano e vinta dalla squadra di casa. L'illecito è stato ipotizzato dalla società barese che ha denunciato, anche attraverso un filmato pubblicato sul sito on line del quotidiano "La repubblica", dalla società San Paolo la quale sostiene che un giocatore della sua squadra, tale De Camargo junior, sarebbe stato avvicinato il giorno prima della gara da un dirigente della squadra avversaria, il quale gli avrebbe offerto un acconto di 500 euro per fare in modo che i padroni di casa vincessero, e a risultato acquisito gli avrebbe dato altri 1.500 euro.

Il giocatore, sempre secondo la ricostruzione del San Paolo, avrebbe rifiutato e il dirigente del Fasano avrebbe aumentato l'offerta portandola a tremila euro. Non se ne fece niente. La partita fu molto combattuta e alla fine vinse il Fasano. Il tentativo di illecito però era stato registrato e filmato. Ed è finito on-line. Ovviamente è scattata l'inchiesta da parte della Procura federale. Antonio Flora, ex presidente del Trani, passato armi e bagagli da qualche mese al Fasano, rigetta con sdegno le accuse. "Noi siamo persone oneste, per bene e come tali siamo pronte a difenderci nelle sedi opportune per far valere i nostri diritti", dice Flora. E aggiunge: "Non sono i giornali ad emettere sentenze. Chi ci accusa dimentica che ci sono gli organi preposti a svolgere indagini e noi del Fasano attendiamo di essere ascoltati per mostrare l'altra parte della medaglia, quella che io ritengo con molta abilità sia stata nascosta".

E inoltre: "Non intendo scoprire le nostre carte difensive prima del tempo, ma voglio che si sappia che non è nostro costume ricorrere a queste cose per vincere una partita. Noi siamo sportivi, crediamo nello sport, vogliamo vincere sul campo e con le nostre forze". De Camargo junior è un ex giocatore del Fasano che andò via prima dell'arrivo di Flora. Con la vecchia società erano rimasti in sospeso alcuni rimborsi. Poi passò al San Paolo Bari. Peraltro De Camargo nella gara in questione non scese in campo.

Spiega Flora: "Ci sono alcune mensilità non pagate dalla vecchia dirigenza al giocatore De Camargo e il mio dirigente aveva incontrato il giocatore per cercare una soluzione, nonostante quella pendenza non rientri nella mia gestione e quindi non tocca a me pagare. In quella occasione il giocatore si presentò con una microspia per registrare l'incontro. Non fatemi dire nient'altro, ma vi assicuro che ci sono tanti elementi che smonteranno il caso abilmente creato e successivamente partiranno le denunce penali per aver infangato i dirigenti e la stessa società". Il Fasano si è affidato al giurista napoletano ed esperto di diritto sportivo Edoardo Chiacchio.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proposta indecente di un tesserato:“3000 euro se ci fate vincere”. La Federazione indaga

BrindisiReport è in caricamento