Cronaca

Noi di S.Maria Ausiliatrice, tartassati di multe e promesse non mantenute

La ex piazza di via Santa Maria Ausiliatrice è ancora al centro di alcune polemiche. I negozianti hanno segnalato alla redazione una assidua presenza di forze dell' ordine e di frequenti controlli di polizia municipale e dell'Asl

BRINDISI – La ex piazza di via Santa Maria Ausiliatrice è ancora al centro di alcune polemiche. I negozianti hanno segnalato alla redazione una assidua presenza di forze dell’ ordine e di frequenti controlli di polizia municipale e dell’Asl. Alcuni di questi negozianti hanno ricevuto diversi verbali da parte della polizia municipale in seguito all’esposizione della merce fuori dalla struttura. La redazione ha sentito pareri e commenti degli esercenti che lamentano promesse mai mantenute, come ad esempio quella della riqualificazione delle strutture e dell’intera area.

LA VIDEOINTERVISTA A DUE COMMERCIANTI

Infatti, commercianti e clienti assidui della ex mercato ortofrutticolo palesano che le uniche opere e interventi ad ora risultano essere gli alberelli piantati sul ciglio del grande spiazzo ed il grande albero centrale, i quali sono oltretutto sprovvisti di recinzione attorno all’aiuola, provocando infangamenti in seguito alle piogge. Tra le promesse mai mantenute lamentano in particolar modo quella del sindaco Mimmo Consales il quale pare abbia assicurato ai negozianti la possibilità di esporre la merce al di fuori dei negozi ed entro i limiti della pensilina, fino a che i permessi non sarebbero stati pronti.

Questi commercianti invece sono stati multati come abusivi da parte della polizia municipale, che oltre ad aver emesso il verbale ha ordinato il ritiro della merce in negozio. Franco Vacca, storico commerciante di calzature, presente nella ex piazza da cinquant’anni, rivela che ha sempre tenuto la merce esposta quando il mercato ortofrutticolo si svolgeva ancora in via Maria Ausiliatrice, ora invece lui ed altri sono nel mirino di controlli quasi ogni due giorni.

Roberto De Leonardis  (bottega Antichi Sapori), Maria Lia Cassiano (Antico Panificio), Tonino Lo Buono (macelleria), Oscar Galasso (negozio di frutta e verdura), Franco Vacca (calzature), Saretta Truppi (Color Garden)  e Angela Nimis (Quick Bar), chiedono al sindaco di intervenire per riqualificare la zona, con opere di ristrutturazione più consistenti e assolutamente necessarie, come si evince dal video e dalle foto e per trovare una soluzione idonea a questo problema di controlli ritenuti eccessivi dai suddetti negozianti. Gli stessi comunicano poi che l’ infrastruttura sovrastante, è stata dichiarata inagibile dai vigili del fuoco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Noi di S.Maria Ausiliatrice, tartassati di multe e promesse non mantenute

BrindisiReport è in caricamento