menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia, Bruno solidale con i lavoratori: "Bullismo istituzionale del governo"

“Il governo ci ruba i soldi per la merenda e poi ci obbliga a fargli i compiti per casa. Ponga fine a questa forma di bullismo istituzionale. E’ in ballo la vita delle persone. Ascolti il nostro grido”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del presidente della Provincia di Brindisi, Maurizio Bruno, sullo sciopero dei dipendenti della Provincia di Brindisi. 

Voglio esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza ai dipendenti della mia Provincia e ai dipendenti di tutte le Province d'Italia, che oggi hanno incrociato le braccia in segno di protesta contro una riforma che è stata ideata bene, ma progettata male e realizzata peggio.

Ne stiamo pagando le conseguenze tutti: amministratori, lavoratori e cittadini. L'idea di fondo della riforma era condivisibile e condivisa: eliminare o comunque contenere le Province e trasferire le loro funzioni a Stato, Regione e Comuni. 

E invece cosa è stato fatto? Hanno solo tolto i soldi, lasciando alle Province il delicato e vitale incarico di Maurizio Bruno, nuovo presidiente della Provincia-2curare l'edilizia scolastica, la manutenzione delle strade e la tutela ambientale.  Le Province quindi oggi sono chiamate a fare esattamente quello che facevano prima, ma con i soldi del Monopoli. Le conseguenze? Scuole meno sicure, strade meno sicure, lavoratori licenziati o trasferiti, e altri in procinto di seguire la stessa spaventosa sorte.

Tutto questo non è più tollerabile. Non è da paese civile, non è da classe politica chiamata a rispettare quantomeno le regole che essa stessa si da. Il Governo ora deve ascoltarci, e deve porre rimedio a questa indicibile ingiustizia. Se le Province devono continuare a occuparsi della sicurezza e della salute dei cittadini e dei suoi ragazzi, allora che siano restituite loro le somme che in questi anni ci sono state indebitamente sottratte con continui tagli e prelievi.

Non possiamo essere noi il bancomat dei governi nazionali. Questa è prepotenza. Il Governo si sta comportando come quel bullo che prima ruba al compagno di classe i soldi per la merenda e poi lo obbliga a fargli i compiti. Né più né meno. E tutto questo non lo possiamo più tollerare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento