rotate-mobile
Cronaca

Pure le cozze "calde": sequestri

GALLIPOLI - Grazie all'intensificazione dei controlli igienico - sanitario degli alimenti, da parte dei carabinieri della compagnia di Gallipoli congiuntamente ai militari del Nas di Lecce e al personale del Dipartimento di prevenzione dell'Asl, Area Sud Maglie - Servizio veterinario, ieri sera sono stati ispezionati 2 ristoranti e 4 pescherie della Perla dello Ionio. Non sembra vero, ma sono stati scoperti e sequestrati prodotti ittici, cozze soprattutto, con una temperatura che sfiorava 32 gradi gradi (la legge prevede 6 gradi al massimo) a fronte di quella esterna che era di 34 gradi.

GALLIPOLI - Grazie all'intensificazione dei controlli igienico - sanitario degli alimenti, da parte dei carabinieri della compagnia di Gallipoli congiuntamente ai militari del Nas di Lecce e al personale del Dipartimento di prevenzione dell'Asl, Area Sud Maglie - Servizio veterinario, ieri sera sono stati ispezionati 2 ristoranti e 4 pescherie della Perla dello Ionio. Non sembra vero, ma sono stati scoperti e sequestrati prodotti ittici, cozze soprattutto, con una temperatura che sfiorava 32 gradi gradi (la legge prevede 6 gradi al massimo) a fronte di quella esterna che era di 34 gradi.

In questa tornata di ispezioni, le violazioni sono risultate molto gravi. Infatti, nello specifico, il personale sanitario e i militari hanno denunciato in stato di libertà due commercianti per cattivo stato di conservazione di alcuni prodotti venduti perchè tenuti ad una temperatura che pregiudicava la sicurezza alimentare e la loro vitalità.

Nell'ispezione di due pescherie a Gallipoli, dove i proprietari sono stati denunciati, i carabinieri hanno rinvenuto all'esterno dell'esercizio commerciale, banchi espositori con all'interno cozze, vongole, ostriche nonché varie cozze crude già aperte pronte alla vendita al pubblico. Tutto ciò si trovava in cattivo stato di conservazione, perchè all'aperto la temperatura toccava i 35 gradi. Dodici chilogrammi di prodotti ittici, sono stati sequestrati.

Nella seconda pescheria ispezionata, sempre a Gallipoli, venivano sequestarti 78 chilogrammi di prodotti quali cozze noci, nere e fasolare, per le stesse violazioni citate precedentemente: anch'esse presentavano una temperatura tra i 20 e i 24 gradi. I controlli da parte dei militari continuerà fino alla fine della stagione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pure le cozze "calde": sequestri

BrindisiReport è in caricamento