Cronaca

Quasi mezza tonnellata di marijuana sequestrata in mare: un arresto

Trovati circa 400 kg di marijuana e 100 grammi di hashish: venduti al mercato clandestino avrebbero fruttato quasi 4 milioni di euro

BRINDISI - Un’altra brillante operazione a contrasto dei traffici illeciti è stata portata a termine dai mezzi aeronavali delle fiamme gialle: fermata un’imbarcazione con un ingente quantitativo di marijuana e hashish, arrestato uno scafista. 

L’intervento è stato condotto da una vedetta del Reparto operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari in collaborazione con il Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, specializzato in operazioni a largo raggio nonché con la preziosa collaborazione dei mezzi aeronavali impiegati nell’ambito delle missioni gestite dall’European Border and Coast Guard Agency” (Frontex).

sequestro droga in mare1-2

In particolare, il dispositivo aeronavale impiegato giorno e notte per il contrasto ai traffici illeciti via mare ha intercettato, in pieno giorno, un’imbarcazione che a velocità sostenuta si dirigeva verso la costa a Sud di Brindisi. Una vedetta della Sezione operativa navale di Brindisi, impiegata anche con compiti di Polizia del Mare, dopo un breve inseguimento, è riuscita a fermare l’imbarcazione a poche miglia dalla costa brindisina. L’accurata ispezione a bordo, ha consentito di rinvenire, abilmente occultati in un doppio fondo, circa 400 kg di marijuana e 100 gr di hashish che, venduti al mercato clandestino, avrebbero fruttato quasi 4 milioni di euro.

L’imbarcazione utilizzata per l’illecito traffico, un natante di circa 6 metri, è stata sottoposta a sequestro, mentre lo scafista, di nazionalità albanese, è stato arrestato per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti e posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. 

L’operazione aeronavale conferma l’efficacia del dispositivo di presidio marittimo messo in atto dalla Guardia di Finanza quale “Polizia del mare”, a contrasto dei traffici illeciti rivolti verso i confini nazionali e dell’Unione Europea.

La perfetta sinergia tra la componente aeronavale del Corpo, i mezzi Frontex e i Reparti territoriali delle Fiamme Gialle, nonché la stabile e consolidata collaborazione con le Autorità di Polizia albanesi, per il tramite del Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo, sta consentendo, grazie anche ai proficui rapporti di collaborazione con le varie Procure della Repubblica, di contrastare efficacemente i sodalizi criminali che gestiscono il traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi mezza tonnellata di marijuana sequestrata in mare: un arresto

BrindisiReport è in caricamento