Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Evasione dai domiciliari: due arresti a Brindisi e due in provincia

Quattro arresti operati dai carabinieri per violazione degli obblighi imposti dalla detenzione domiciliare, due a Brindisi e altrettanti in provincia, a Ceglie Messapica e San Donaci

Quattro arresti operati dai carabinieri per violazione degli obblighi imposti dalla detenzione domiciliare, due a Brindisi e altrettanti in provincia, a Ceglie Messapica e San Donaci.  A Brindisi, i militari del Nucleo investigativo del Reparto operativo, hanno sorpreso in flagranza di reato, per evasione, Ferruccio Pagliara di 41 anni, sottoposto agli arresti domiciliari, sorpreso senza giustificato motivo in una strada cittadina e in compagnia di un pregiudicato. Pagliara è stato riassegnato per il momento agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Sempre a Brindisi, questa volta i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia del capoluogo,  hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Genova nei confronti di Caterina Coffa, 46 anni, quale aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari a cui era sottoposta e che aveva violato in più occasioni. Caterina Coffa è stata trasferita presso la casa circondariale di Borgo S. Nicola a Lecce.

Anche i carabinieri della stazione di Ceglie Messapica hanno eseguito una ordinanza di sostituzione degli arresti domiciliari con la custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Brindisi, nei confronti di Francesco Pio Morelli di 25 anni. Morelli, lo scorso 13 agosto, era stato arrestato per evasione dagli arresti domiciliari che scontava presso la sua abitazione poiché ritenuto responsabile di una tentata rapina in danno di una rivendita di tabacchi del luogo, con lesioni personali al titolare dell'esercizio, commessa l’1 marzo 2014. Morelli è stato trasferito perciò al carcere di via Appia a Brindisi.

Infine, I carabinieri della stazione di San Donaci hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce nei confronti di Antonio Saracino di 39 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari. L'aggravamento della misura è scaturito proprio dalle segnalazioni dei militari della stazione di San Donaci relative alle ripetute violazioni delle prescrizioni da parte di saracino, che dopo l’arresto è stato trasferito al carcere di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione dai domiciliari: due arresti a Brindisi e due in provincia

BrindisiReport è in caricamento