Intossicazione da funghi: quattro casi in provincia di Brindisi

L'ultimo è un 30enne di Carovigno che ha mangiato dei funghi raccolti da un amico sprovvisto del patentino rilasciato dall'Asl. I consigli degli esperti

CAROVIGNO – Acquistare i funghi solo da persone autorizzate. Anche se si è dotati di patentino, passare sempre dall’Asl, prima di mettere in vendita, o regalare ad amici e parenti, i funghi raccolti. Tali avvertenze sono d’obbligo, se si considera che nella giornata di ieri (martedì 3 dicembre), a Carovigno, si è registrato il quarto caso di intossicazione da funghi in provincia di Brindisi, dall’inizio della stagione.

Si tratta di un 30enne del posto che ha avuto in regalo dei funghi raccolti da un amico nell’agro di Carovigno. I funghi sono stati consumati nella giornata di lunedì (2 dicembre), insieme alla moglie, sia a pranzo che cena. Il 30enne, oltre che mangiarli cotti, è stato l’unico a consumarli anche arrosto.

I problemi sono iniziati la mattina di martedì (3 dicembre), quando il 30enne ha cominciato ad accusare vomito e diarrea. A quel punto si è recato presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi, dove gli è stata diagnosticata un’intossicazione. Come da prassi è stato subito attivato l’esperto micologo reperibile dell’Asl Brindisi. Nel caso specifico non è stato possibile ricorrere a una terapia mirata, in quanto non è stato individuato il tipo di specie fungina finito sulla tavola del malcapitato. Gli approfonditi esami clinici ai quali è stato sottoposto il paziente, ad ogni modo, hanno fornito esito confortante. Il 30enne verrà tenuto sotto osservazione fin quando non si ristabilirà del tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non sempre, però, i casi di intossicazione vanno a finire bene. Per questo gli esperti dell’Asl rinnovano l’invito a non acquistare o accettare funghi raccolti da persone sprovviste del patentino rilasciato dalla stessa azienda sanitaria, dopo un corso. Anche le persone autorizzate, fra l’altro, sono tenute a mostrare il raccolto agli specialisti dell’Asl, consultando i calendari affissi presso ogni amministrazione comunale, prima di commercializzarlo. Chi non si attiene a tali prescrizioni è passibile di sanzioni amministrative. Su questo fronte sono impegnati i carabinieri Forestali, impegnati in una serie di controlli nelle aree boschive del Brindisino nell'ambito dei quali numerose persone sono state sorprese a raccogliere funghi, nonostante non avessero mai conseguito il patentino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento