rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Via Angelo Lanzellotti

"Quelle caditoie stanno per sprofondare, ma il Comune se ne infischia"

Le caditoie pericolanti di via Lanzellotti sono una minaccia per passanti e motociclisti. Numerose le segnalazioni all'ufficio Tecnico, senza alcun risultato concreto

BRINDISI – Nonostante le numerose segnalazioni fatte a partire dall’ottobre 2016 dai cittadini, non è ancora stato risolto il problema riguardante le caditoie per lo scolo delle acque piovane situate in via Lanzellotti, fra il tribunale e il tensostatico del rione Sant’Angelo. Le grate di ferro, giorno dopo giorno, stanno letteralmente sprofondando nell’asfalto dissestato.

Dopo le richieste di intervento dei residenti, più volte gli agenti della polizia municipale si sono recati sul posto per mettere in sicurezza la a691313e-2c48-45b5-85f1-92e1c399b46d-3zona. Ma non basta. E’ bene infatti che l’ufficio tecnico del Comune di Brindisi, messo al corrente in diverse circostanze di questa situazione, si attivi immediatamente per risolvere in problema, eliminando quella che potrebbe trasformarsi in una vera e propria trappola per pedoni e automobilisti.

La gente infatti teme che, prima o poi, qualcuno ci rimetta una caviglia (o peggio) in quelle caditoie. L’auspicio allora è che si corra ai ripari, prima che sia troppo tardi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quelle caditoie stanno per sprofondare, ma il Comune se ne infischia"

BrindisiReport è in caricamento