Cronaca

Raid vandalico alla scuola "Marco Pacuvio": tre minorenni denunciati

BRINDISI - Le lezioni sono finite da un pezzo, ma per alcuni ragazzi l’estate diventa un periodo per approfittare della scuola chiusa e danneggiarla. Ma questa volta la bravata non è passata impunita: gli agenti della sezione Volanti di Brindisi hanno raccolto una segnalazione e sono riusciti a portare in Questura tre minorenni.

La scuola "Marco Pacuvio" danneggiata dai vandali

BRINDISI - Le lezioni sono finite da un pezzo, ma per alcuni ragazzi l'estate diventa un periodo per approfittare della scuola chiusa e danneggiarla. Ma questa volta la bravata non è passata impunita: gli agenti della sezione Volanti di Brindisi hanno raccolto una segnalazione e sono riusciti a portare in Questura tre minorenni.

Nel tardo pomeriggio di lunedì, una pattuglia di poliziotti coordinati dal capo delle Volanti, Alberto D'Alessandro, è piombata infatti nei pressi della scuola media statale "Marco Pacuvio", quartiere Sant'Elia, in quel momento bersaglio di atti vandalici di un gruppo di ragazzini. Questi ultimi, alla vista dell'auto della polizia, hanno cercato di darsi alla fuga dividendosi e nascondendosi nelle vie vicine, ma non tutti sono riusciti a farla franca. Gli agenti, infatti, sono riusciti a bloccare tre di loro, tutti di età compresa tra i 14 ed i 17 anni. Dopo aver infranto con un fitto lancio di sassi decine di finestre e divelto alcune serrande, erano penetrati nel plesso scolastico per proseguire nell'azione distruttiva.

I tre minori sono stati condotti in Questura e deferiti alla Procura della Repubblica dei Minorenni di Lecce per il reato di danneggiamento aggravato. Tutti sono stati affidati ai rispettivi genitori i quali dovranno risarcire l'istituto scolastico per i gravi danni subiti rilevati dalla Scientifica.

Non è la prima volta che determinati raid vandalici vengono compiuti ai danni delle scuole, soprattutto nel periodo estivo e particolarmente nei quartieri cosiddetti più a rischio. Approfittando dell'assenza di custodi, o comunque di testimoni in giro, i ragazzini scavalcano la recinzione e hanno facile accesso nelle strutture, passando per esempio dalle finestre e allagando magari le aule. Ogni volta, insomma, al rientro dopo la pausa estiva, i dirigenti scolastici, e quindi le amministrazioni locali devono pure provvedere alle spese di riparazioni per gli atti vandalici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid vandalico alla scuola "Marco Pacuvio": tre minorenni denunciati

BrindisiReport è in caricamento