Sabato, 15 Maggio 2021
Cronaca Via Sant'Angelo

Rapina al Dok: "Non sono io quello ripreso dalle telecamere"

Si dichiara estraneo ai fatti e ottiene i domiciliari il brindisino arrestato per la rapina al supermercato Dok di via Sant'Angelo. Il gip gli concede i domiciliari

BRINDISI – “Non sono io quello ripreso dalle telecamere. Con la rapina non c’entro nulla”. Si è dichiarato del tutto estraneo ai fatti ed è rientrato a casa in regime di domiciliari il giovane brindisino arrestato venerdì scorso (9 settembre) con l’accusa di aver preso parte alla rapina perpetrata nel primo pomeriggio di quello stesso giorni, ai danni del supermercato Dok di via Sant’Angelo.

Il 18enne Giuseppe De Mare, difeso dall’avvocato Marianna Laguercia, è stato ascoltato stamani (12 settembre) dal gip Maurizio Saso, nell’ambito dell’interrogatorio di convalida dell’arresto. Il ragazzo ha fornito la sua versione dei fatti, chiarendo di non avere nulla a che fare con l’assalto.

Erano le 14,30 quando un paio di ragazzi con volto coperto da casco, di cui armato di pistola, hanno fatto irruzione all’interno dell’attività commerciale, in presenza di numerosi clienti. I malfattori, minacciando una cassiera con la pistola, si sono impossessati dei registratori di cassa, li hanno riposti in due borse della spesa e poi si sono allontanati verso via Pasquale Romano, fuggendo in sella a uno scooter Vespa 125.

Pochi minuti dopo, i poliziotti della Squadra mobile e della sezione volanti hanno notati De Mare in una delle vie limitrofe. Nutrendo dei sospetti sul suo conto, lo hanno pedinato fino a quando non è giunto nei pressi del Dok. A quel punto lo hanno ammanettato. In quello che secondo gli investigatori è il suo domicilio (diverso dalla sua residenza), sono state poi trovate le casse rapinate (svuotate del loro contenuto, pari a circa 300 euro in banconote),  i caschi presumibilmente indossati dai rapinatori e gli indumenti presumibilmente indossati dagli stessi. I banditi sono stati ripresi dalle telecamere di cui è dotato il Dok. A detta di De Mare, però, non è lui uno dei due individui inquadrati dall’impianto di video sorveglianza.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina al Dok: "Non sono io quello ripreso dalle telecamere"

BrindisiReport è in caricamento