rotate-mobile
Cronaca

Rapina al Mc Donald's: arrestato uno degli autori. E' caccia al complice

E’ un 23enne che fino a questo momento non ha mai avuto problemi con la giustizia uno dei responsabili della rapina perpetrata intorno alle 20.30 di ieri, sabato 12 maggio, nel Mc Donald’s sito nel centro commerciale Brin Park

BRINDISI – E’ un 23enne che fino a questo momento non ha mai avuto problemi con la giustizia uno dei responsabili della rapina perpetrata intorno alle 20.30 di ieri, sabato 12 maggio, nel Mc Donald’s sito nel centro commerciale Brin Park di Brindisi. Si tratta di Cristian De Florio, è stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata e rinchiuso in carcere. La pistola utilizzata per minacciare i presenti è stata trovata sul posto e sequestrata: si tratta di una riproduzione modificata di un modello di revolver ma in grado di sparare. Aveva quattro cartucce 38 special nel tamburo. Ora si cerca il complice. I due hanno seminato il panico in uno dei luoghi più frequentati da famiglie con bambini. Situato in un centro commerciale che il sabato sera diventa quasi un centro di aggregazione di gente di tutte le età.

La scena della rapina 

I due hanno raggiunto il McDonald's a bordo di uno scooter T-Max Yamaha di colore bianco risultato poi con targa appartenente ad altra moto, quindi rubata (e per questo De Florio risponde anche di ricettazione), l’hanno lasciato all’esterno, si sono introdotti nel locale senza togliere il caso integrale e una volta dentro hanno estratto l’arma minacciando i presenti. Sono poi usciti con alcune cassette contenenti denaro. Per loro sfortuna tra le famiglie che stavano passando la serata al Brin Park c’erano anche due poliziotti liberi dal servizio ai quali non era sfuggita la scena sospetta dei due individui che dopo aver parcheggiato lo scooter erano entrati senza togliere il casco. Uno scooter che, tra l'altro, era entrato nel parcheggio sfrecciando. I due poliziotti sono riusciti a bloccare uno dei due rapinatori durante la fuga.

scooter rapina mc donald's-3-2-2

Si tratta di colui che si era diretto verso lo scooter, e in loro ausilio pochi istanti dopo è giunto un finanziere anch’egli libero dal servizio e poi i poliziotti della Sezione antirapina (al comando del sostituto commissario Giancarlo Di Nunno) della Squadra Mobile di Brindisi, diretta dal vice questore Antonio Sfameni, già in servizio nella zona. Il complice di De Florio invece si è dato alla fuga a piediabbandonando sul marciapidi le cassette. Da una, però, era riuscito a sfilare 537 euro. Accanto allo scooter è stata trovata la pistola. Il 23enne è stato condotto presso gli uffici della questura e dopo le formalità di rito, su disposizione del pm di turno Simona Rizzo è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi.

Scooter e arma sono stati sequestrati per essere sottoposti a tutti i rilievi di polizia scientifica necessari per trovare gli elementi utili per completare il quadro delle indagini. Al vaglio anche i fotogrammi delle telecamere installate nel locale che hanno ripreso interamente la scena. C’è da accertare anche se lo scooter è lo stesso utilizzato per la rapina nel negozio cinese di piazza Cairoli giovedì scorso.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina al Mc Donald's: arrestato uno degli autori. E' caccia al complice

BrindisiReport è in caricamento