Rapina alla gioielleria Ipercoop, condannati quattro brindisini

Sei anni e sei mesi per Angelo Sinisi, Antonio Di Lena e Francesco Colaci, quattro anni e otto mesi per Cristian Ferrari imputati in abbreviato per il colpo del 3 dicembre 2014. Incastrati da Dna e intercettazioni dopo l'omicidio Tedesco, mai trovato il bottino. La difesa in Appello

un frammento delle immagini del sistema di videosorveglianza della gioielleria Follie d'Oro dell'Ipercoop

BRINDISI – Condannati tutti e quattro i brindisini accusati di aver fatto parte del commando armato di fucile a canne mozze e mazze da baseball che piombò nella gioielleria Follie d’Oro dell’Ipercoop la mattina del 3 dicembre 2014: sei anni e sei mesi sono stati inflitti ad Angelo Sinisi, Antonio Di Lena, entrambi in carcere, stessa pena per Francesco Colaci, l’unico a essere tornato in libertà, e quattro anni e otto mesi per Cristian Ferrari, detenuto in una comunità.

COLACI Francesco, classe 1993-2SINISI Angelo, classe 1987-3La sentenza arriva a conclusione del processo con rito abbreviato chiesto dai difensori degli imputati, Mauro Durante per Colaci, Laura Beltrami per Sinisi e di Lena e Ladislao Massari per Ferrari, i quali hanno già anticipato il ricorso in Appello, possibile non appena saranno depositate le motivazioni. Il dispositivo è stato letto nel primo pomeriggio di oggi, 9 marzo 2017, dal gup Stefania De Angelis, in aderenza alle richieste di pena del sostituto procuratore Milto Stefano De Nozza il quale chiese e ottenne l’arresto dei quattro l’11 maggio dello scorso anno sulla base di gravi indizi di colpevolezza costituiti dal Dna e da alcune intercettazioni disposte all’indomani dell’omicidio di Cosimo Tedesco avvenuto in una palazzina di piazza Raffaello, quartiere Sant’Elia, il primo novembre 2014.

Ferrari e Colaci sono stati identificati dal profilo genetico ricavato da tracce di impronte digitali lasciate sui guanti trovati nell’auto usata per il colpo, una Giulietta Alfa Romeo rubata a Carovigno. Per Ferrari ci sono anche tracce di sangue su frammenti di vetro delle couvette rinvenuti sia all’interno della gioielleria che su un porta-preziosi lasciato accanto allo sportello dell’auto, probabilmente nella fuga. Sul conto di Angelo Sinisi e Antonio Di Lena pesa il contenuto di alcune intercettazioni ambientali disposte nell’inchiesta sull’omicidio Tedesco.

DI LENA Antonio, classe 1987-2ferrari cristian-2La sparatoria avvenne la mattina successiva alla festa di Halloween durante la quale ci fu uno screzio tra genitori perché un bimbo di tre anni aveva toccato, secondo alcuni, un neonato con le manine sporche. Questo almeno è il movente (futili motivi)  alla base dell’omicidio per il quale sono stati condannati all’ergastolo, in primo grado con rito abbreviato, Andrea Romano,  Alessandro Polito  e Francesco Coffa,  tutti di Brindisi. Gli inquirenti avevano il sospetto che potessero essere coinvolte due famiglie, quella di Alessandro Coffa e quella di Andrea Romano. Da qui la richiesta di ascoltare le conversazioni tanto nelle auto, quanto nelle abitazioni e sono stati intercettati Alessandro Coffa (estraneo alla rapina), Angelo Sinisi e Antonio Di Lena, convocati dal primo nella sua casa “su ordine di Andrea Romano che in quel periodo era latitante al pari di Alessandro Polito, cognato di Francesco Coffa”.

Nel fascicolo sulla rapina c’è anche la seguente conversazione: “Compa’ adesso tutta Brindisi lo sa, è un casino, per bocca di quei due mocciosi scemi: non devono parlare, è stato un errore fare quella rapina con tutta la questura addosso per quella cosa di Alessandro e Andrea. Vi scannano, non ne sapevano niente e vogliono i soldi per la mancanza di rispetto. Il pensiero bisogna darlo”.

Rapina gioielleria Ipercoop Follie d'oro 2-2-2

Era un momento particolare per la criminalità brindisina, secondo quanto evidenziato nell’ordinanza di arresto, perché “Romano e Polito poco avevano gradito un’azione criminale così efferata come quella dell’assalto armato nella gioielleria che aveva avuto come unico effetto quello di stringere le maglie del controllo ad opera delle forze di polizie”. L’11 dicembre 2014 Alessandro Coffa chiama a raccolta i ragazzi per rimproverare il gruppo della rapina e per il pm e il gip è questa la conversazione che vale più di un indizio, praticamente una prova, tanto da definire “granitico il quadro a carico degli indagati”: Coffa “riteneva di redarguirli per aver posto in essere l’azione nel periodo di latitanza dei due ricercati per omicidio, senza neppure una preventiva comunicazione a Romano”.

Sinisi e Di Lena si giustificano sostenendo che “i due latitanti non fossero più a Brindisi”, perché c’era chi sosteneva che fossero in Francia o comunque lontano da casa, e aggiungendo che quella gioielleria non fosse sotto la protezione di nessuno. In altri termini, non avevano pestato i piedi ad altri, né tanto meno avevano mancato di rispetto i grandi. A quell’incontro non si presentano né  Francesco Colaci e né Christian Ferrari che verranno riconvocati il 16 dicembre da Sinisi per affrontare il discorso sulla “somma di tremila euro da consegnare ai latitanti, come compenso per i danni provocati dalla rapina commessa”. Somma che Sinisi avrebbe consegnato a Coffa, per girarla al solo Romano, niente invece sarebbe stato dato a Polito, arrabbiatosi di nuovo al punto da scrivere una lettera a Colaci.

Non è mai stato identificato un quinto ragazzo ritenuto componente del gruppo, il quale avrebbe avuto il ruolo di autista. Non è stato trovato neppure il bottino, di valore pari ad almeno centomila euro, nonostante le perquisizioni subito dopo la rapina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento