rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca Ostuni

Rapina e pugni a falegname: presi

OSTUNI – Individuati e arrestati dai carabinieri anche i rapinatori che nel pomeriggio di venerdì 19 gennaio picchiarono a sangue l'artigiano 73enne ostunese Giuseppe Roma.

OSTUNI ? Individuati e arrestati anche i rapinatori che nel pomeriggio di venerdì 19 gennaio picchiarono a sangue l'artigiano 73enne ostunese Giuseppe Roma, portandogli via il borsello contenente 300 euro. Si tratta di Cosimo Saponaro, 32 anni e Fausto Vecchio 22, entrambi di Ostuni, già noti alle forze dell'ordine.

I due all'alba di oggi sono stati raggiunti da un'ordine di custodia cautelare emesso dal gip Maurizio Saso su richiesta del pm Iolanda Daniela Chimienti, all'esito di un'accurata attività investigativa condotta dai carabinieri della stazione di Ostuni in stretta collaborazione con i colleghi della compagnia di Fasano, diretta dal capitano Gianluca Sirsi. Sono accusati di rapina aggravata in concorso e lesioni personali in concorso.

La rapina di cui i due ostunesi si sarebbero resi responsabili fu messa segno intorno alle 17 in via Nino Bixio Continelli, la vittima è un noto falegname della Città Bianca, famoso per i manufatti in legno che produce e precisamente cucchiai ricavati dalla lavorazione degli alberi di ulivo.

Il pensionato si stava dirigendo nel suo laboratorio quando fu accerchiato da due soggetti con il volto mascherato da sciarpa e berretto che tentarono di strappargli il borsello, e alla sua pronta reazione i due risposero con pugni in faccia e percosse. Riuscirono a fuggire col bottino.

Sulle loro tracce si misero subito i carabinieri. Importante per la loro identificazione è stata la testimonianza sia della vittima di altra gente che ha assistito alla scena, nonché alcune telecamere presenti nella zona. Oggi i due sono finiti in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina e pugni a falegname: presi

BrindisiReport è in caricamento