menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina in banca e fuga in taxi: Giardino patteggia due anni e torna in libertà

Ha patteggiato due anni di reclusione con sospensione della pena il rapinatore che lo scorso 26 novembre assaltò con una pistola giocattolo la Banca nazionale del lavoro di via Santi, a pochi passi dal teatro Verdi, per poi tentare la fuga in taxi. Giuseppe Giardino, 23 anni, di Bari, difeso dall’avvocato Gianluca Palazzo, ha concordato con il pm la pena detentiva

BRINDISI – Ha patteggiato due anni di reclusione con sospensione della pena il rapinatore che lo scorso 26 novembre assaltò con una pistola giocattolo la Banca nazionale del lavoro di via Santi, a pochi passi dal teatro Verdi, per poi tentare la fuga in taxi. Giuseppe Giardino, 23 anni, di Bari, difeso dall’avvocato Gianluca Palazzo, ha concordato con il pm la pena detentiva e il gip Maurizio Saso ha emesso un decreto di condanna. Il barese aveva la fedina penale immacolata.

A spingerlo verso il folle gesto è stata la difficile situazione economica in cui versa la sua famiglia. Giardino aveva infatti perso il lavoro pochi giorni prima della rapina. Aveva disperato bisogno di denaro. E ha pensato che se gli fosse riuscito il colpo, difficilmente gli investigatori brindisini sarebbero risaliti a lui. Ma non è andata così. 

Giardino ha spiegato di aver raggiunto Brindisi in treno. Aveva acquistato anche un biglietto di ritorno. Ma dopo aver rapinato la filiale racimolando un bottino di circa 1500 euro, forse in preda alla concitazione, ha scelto la via di fuga più impervia: quella del viaggio in taxi appunto.

Il colpo è stato messo a segno intorno alle ore 9. Sul posto si recarono subito i poliziotti della Sezione volanti. I colleghi della squadra Antidroga della Squadra mobile di Brindisi coordinati dall’ispettore superiore Pasquale Carlino si diressero invece verso la stazione ferroviaria, dopo aver scandagliato le vie del centro storico.

Uno dei tassisti riferì che un collega aveva appena caricato una persona con accento barese. Non poteva che trattarsi di Giardino. Uno dei poliziotti allora contattò telefonicamente il tassista che inconsapevolmente stava trasportando un rapinatore in fuga, chiedendogli di fingere di essere al telefono con sua moglie, per non allarmare il malfattore.

Mentre si tenevano in contatto con il malcapitato tassista, due equipaggi dell’Antidroga hanno imboccato a gran velocità la strada statale 379 che collega Brindisi a Bari. Il tassista avrebbe voluto fermarsi in un’area di servizio. Ma Giardino non ne voleva sapere. “Ti ho pagato (in effetti la corsa è stata pagata in anticipo, ndr) per andare fino a bari senza sosta”, gli ha detto.  

Giunti fra Fasano e Monopoli, i poliziotti hanno intercettato il taxi. Con una manovra degna di un film d’azione, una pattuglia ha sbarrato la strada al taxi, mentre l’altra ha rallentato il traffico alle sue spalle. Dopo aver fatto accostare il veicolo, gli agenti hanno subito messo in salvo il tassista e poi hanno prelevato il rapinatore. Ancora non sapevano che era disarmato, in quanto si era disfatto della pistola giocattolo e del giubbino blu indossato al momento dell’irruzione in banca, gettandoli in un'aiuola di piazza Cairoli (dove sono stati recuperati da una Volante).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento