menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina nel centro scommesse, due giovani i presunti responsabili: presi

Operazione congiunta di carabinieri e polizia. Uno ha 19 anni l'altro 21, coinvolto anche un minorenne

BRINDISI – Hanno un volto e un nome i due presunti responsabili della rapina compiuta il 26 giugno scorso nel centro scommesse EuroBet di via Cappuccini a Brindisi. Si tratta del 19enne Denis Andriyovych Kalyta di origine ucraina residente a Brindisi e del 21enne brindisino Giovanni Quaranta.

I due sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Tea Verderosa ed eseguita dai carabinieri del QUARANTA Giovanni, classe 1996-2Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Brindisi e dagli agenti della Squadra mobile della Questura che si sono occupati delle indagini. Un colpo che all’epoca fruttò circa 400 euro.

La rapina a Eurobet

KALYTA Denis Andriyovych, classe 1998-2Secondo quanto ricostruito dagli investigatori sarebbe stato Quaranta a organizzare la rapina reclutando i complici (tra cui un minore) a cui ha fornito l'arma, un grosso coltello da cucina utilizzato per minacciare le due impiegate presenti nel centro scommesse, nonché gli indumenti necessari a rendersi irriconoscibili, cappellini e magliette forate da servire come passamontagna.

A rapina conclusa, ha assicurato la fuga ai complici prelevandoli con la sua auto a bordo della quale si allontanavano per dividere il bottino. Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati trasferiti nel carcere di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento