rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca

Rapina: sotto torchio i due fermati

CEGLIE MESSAPICA - Sono piantonati in stato di fermo i due giovani bloccati dai carabinieri in quanto accusati di essere gli autori della rapina alle Poste consumata nel pomeriggio di oggi . Si tratterebbe di due ragazzi cegliesi, di 23 e 27 anni. La loro posizione è tuttora al vaglio delle forze dell’ordine. I militari della locale stazione, insieme al personale della Compagnia di San Vito dei Normanni, starebbero infatti valutando indizi e prove a loro carico, ritenendo probabile il coinvolgimento degli stessi in riferimento all’irruzione compiuta attorno alle 16.45 presso l’Ufficio centrale delle Poste, in piazza Sant’Antonio.

CEGLIE MESSAPICA - Sono piantonati in stato di fermo i due giovani bloccati dai carabinieri in quanto accusati di essere gli autori della rapina alle Poste consumata nel pomeriggio di oggi . Si tratterebbe di due ragazzi cegliesi, di 23 e 27 anni. La loro posizione è tuttora al vaglio delle forze dell'ordine. I militari della locale stazione, insieme al personale della Compagnia di San Vito dei Normanni, starebbero infatti valutando indizi e prove a loro carico, ritenendo probabile il coinvolgimento degli stessi in riferimento all'irruzione compiuta attorno alle 16.45 presso l'Ufficio centrale delle Poste, in piazza Sant'Antonio.

Interrogatori e accertamenti proseguiranno per tutta la notte. E' caccia anche al bottino, ammontante a circa 2500 euro, e alla pistola utilizzata durante l'assalto alle casse. La cronaca della rapina. Uno dei due banditi, armato di pistola e con il volto coperto da un casco integrale, ha fatto irruzione nella sala, seminando il panico tra gli utenti in coda agli sportelli. Mentre il compare lo attendeva all'esterno, in sella a un scooter. Il tempo di impossessarsi del carico di banconote, e la coppia di malviventi era già con le spalle rivolte all'uscio della sede delle Poste centrali, pronta a togliere il disturbo. La moto avrebbe girato l'angolo.

Manovra a tutto gas, per far perdere in fretta le tracce. Tempestivo l'allarme. Due impiegate, colte da malore per lo spavento, hanno necessitato delle cure dei sanitari del Servizio 118. Alla luce degli elementi raccolti e sulla scorta delle testimonianze acquisite, le indagini hanno puntato su una pista ben precisa, già seguita peraltro dagli investigatori per fare luce su alcune recenti rapine eseguite in città, con modalità analoghe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina: sotto torchio i due fermati

BrindisiReport è in caricamento