menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A 16 anni rapinano supermercato: nei guai due studenti brindisini

Nel mirino il supermercato Metà di via Marconi. Un minore, bloccato da un avventore, è stato arrestato. L'altro è stato denunciato. Indagini svolte dai carabinieri

BRINDISI – A 16 anni, armati di coltello, hanno assaltato un supermercato, ma è andata male a entrambi. Si è conclusa con un arresto in flagranza di reato e una denuncia a piede libero una rapina ai danni del supermercato “Metà” situato in via Guglielmo Marconi, nel centro di Brindisi, a poche decine di metri dalla chiesa di San Benedetto.

L’episodio si è verificato nella serata di ieri (mercoledì 9 dicembre). Protagonisti della vicenda due studenti incensurati, residenti a Brindisi. Con il volto coperto da mascherine e cappelli, hanno fatto irruzione all’interno dell’attività commerciale. Sotto la minaccia di un coltello, si sono impossessati della somma di circa 200 euro, custodita all’interno del registratore di cassa. In quei concitati frangenti un avventore è riuscito a bloccare uno dei rapinatori, fino all’arrivo dei carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi.

Il suo complice si è dato alla fuga con il bottino, ma nel giro di poche ore i carabinieri, al culmine di una serie di accertamenti investigativi, lo hanno identificato e rintracciato. Questi è stato denunciato a piede libero. Il coetaneo, invece, è stato arrestato e, di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, condotto presso la proprie abitazione, in regime di domiciliari. Entrambi devono rispondere del reato di rapina in concorso e porto illegale di oggetti atti a offendere. Si indaga per recuperare il coltello e il denaro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Attualità

Polveri sottili in Puglia: nel Brindisino il record di superamenti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento