menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Salvatore Barbarossa

Foto di Salvatore Barbarossa

Rapina nell'ufficio postale del quartiere Bozzano

Due ragazzi armati sono piombati nella filiale di via Germania attorno alle 10: sul posto gli agenti della Mobile e delle Volanti. Bottino pari a 600 euro

BRINDISI - Rapinatori di nuovo in azione nell'ufficio postale del quartiere Bozzano, di Brindisi: in due, uno armato di pistola, sono piombati all'interno della sede che si trova in via Germania e hanno minacciato i dipendenti per farsi consegnare il denaro contante custodito in cassa. Non più di seicento euro.

La rapina

E' successo questa mattina, 20 marzo 2019, attorno alle 9,45 quando nell'ufficio postale c'erano clienti.  Copione che sembra identico a quello visto il 15 febbraio scorso: in quella occasione, i due rapinatori riuscirono a portar via mille euro. Fuggirono a piedi passando da un cortile di un condominio che ci trova accanto all'ufficio postale.

rapina ufficio postale bozzano 20032019_2-2

Le immagini delle telecamere

Sul posto gli agenti della sezione Volanti e della Squadra Mobile. Utili alle indagini saranno le immagini registrate dalle telecamere del sistema di videosorveglianza della filiale e quelle di esercizi commerciali della zona. Stando alle primissime testimonianze raccolte dai poliziotti, i due banditi avevano il volto coperto da passamontagna. Il ragazzo armato ha minacciato uno degli addetti allo sportello, spintonando alcuni clienti.  I due, a quanto si apprende, sarebbero arrivati e fuggiti a piedi. Non si esclude la presenza di un terzo ragazzo nel ruolo di autista.

Sul posto anche il personale del 118 perché inizialmente si temeva che qualcuno si fosse sentito male. Era accaduto lo scorso 15 febbraio. Fortunatamente nessuno, né tra i dipendenti, né tra i clienti, ha avvertito malori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento