menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Indagini da parte dei militari della compagnia carabinieri di Fasano

Indagini da parte dei militari della compagnia carabinieri di Fasano

Rapinano commerciante, subito presi

FASANO – Nemmeno il tempo di contare i soldi del bottino, che avevano già le manette ai polsi. E' andata male ai due malviventi che intorno alle 21 di ieri sera hanno rapinato un commerciante, Mimmo Marzolla, in via Sant'Oronzo a Fasano. I due, Donato Di Bari, 20 anni e Alberto Pisconti 22 anni, entrambi del posto sono stati identificati subito dopo il colpo e arrestati. Sono accusati di rapina.

FASANO - Nemmeno il tempo di contare i soldi del bottino, che avevano già le manette ai polsi. E' andata male ai due malviventi che intorno alle 21 di ieri sera hanno rapinato un commerciante, Mimmo Marzolla, in via Sant'Oronzo a Fasano. I due, Donato Di Bari, 20 anni e Alberto Pisconti 22 anni, entrambi del posto sono stati identificati subito dopo il colpo e arrestati. Sono accusati di rapina.

Hanno agito con il volto coperto da un casco integrale. Si sono avvicinati a piedi al commerciante (titolare di un negozio di calzature in via Garibaldi) e gli hanno strappato il borsello al cui interno c'erano 250 euro. Hanno tentato di fuggire ma sono stati raggiunti dalla vittima, dopo una breve colluttazione, però sono riusciti a farla franca.

Il venditore di scarpe ha subito chiamato i carabinieri spiegando l'accaduto e descrivendo esattamente ogni fase della rapina. I militari dell'Arma - sul posto si è precipitata una pattuglia del nucleo radiomobile della compagnia di Fasano - si sono messi subito sulle tracce dei due malfattori che, nel frattempo, si erano liberati di uno dei caschi e del borsello. Dopo alcune ricerche i due sono stati rintracciati e bloccati. A casa di uno di essi è stato trovato l'altro casco.

La vittima della rapina è stata sottoposta alle cure mediche presso l'ospedale di Fasano, ha riportato lesioni giudicate guaribili in 4 giorni. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, su disposizione del pubblico ministero di turno Raffaele Casto, sono stati trasferiti nella casa circondariale di Brindisi a disposizione dell'Autorità giudiziaria.

Ma ieri sera un altro commerciante è stato aggredito da banditi a Fasano: oltre alla rapina ai danni del venditore di scarpe che si è però conclusa con l'arresto dei due malfattori, un altro cittadino, un uomo di 55 anni, è rimasto vittima di un atto delittuoso. I malviventi gli hanno strappato la collana d'oro che aveva al collo.

Il colpo è stato eseguito senza intoppi perchè i due rapinatori, quando si sono avvicinati alla loro preda, gli hanno spruzzato liquido irritante negli occhi. In quel momento stesso gli hanno strappato la collana. La vittima non ha avuto il tempo di capire di chi si trattava, quando è riuscita ad aprire gli occhi, dei due non c'era più traccia. Ha comunque richiesto l'intervento dei carabinieri che, dopo aver ascoltato la sua testimonianza, hanno avviato le relative ricerche. Il commerciante è finito al pronto soccorso ma le lesioni riportate agli occhi, fortunatamente, non sono gravi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo capannone: cantiere sotto sequestro, si indaga sulla dinamica

  • Attualità

    Polveri sottili in Puglia: nel Brindisino il record di superamenti

  • Incidenti stradali

    Tamponamento sulla superstrada: sul posto anche i vigili del fuoco

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento