rotate-mobile
Cronaca

Rapinata in casa moglie costruttore

BRINDISI – Era uscita da casa per accompagnare i figli a scuola e al ritorno ha trovato due ladri che stavano rovistando nelle stanze del suo appartamento, in via Cappuccini a Brindisi, che l'hanno bloccata e minacciata fino a quando non hanno trovato la cassaforte. Protagonista di questa angosciante vicenda una quarantenne di Brindisi, Mariangela Bini. Fortunatamente i due ladri, che avevano il volto coperto da passamontagna, non erano armati e hanno immobilizzato la donna utilizzando solo la loro forza fisica.

BRINDISI ? Era uscita da casa per accompagnare i figli a scuola e al ritorno ha trovato due ladri che stavano rovistando nelle stanze del suo appartamento, in via Cappuccini a Brindisi, che l'hanno bloccata e minacciata fino a quando non hanno trovato la cassaforte. Protagonista di questa angosciante vicenda una quarantenne di Brindisi, Mariangela Bini. Fortunatamente i due ladri, che avevano il volto coperto da passamontagna, non erano armati e hanno immobilizzato la donna utilizzando solo la loro forza fisica.

Nella cassaforte, nascosta in bagno e che i due malviventi hanno sradicato, c'erano gioielli per un valore complessivo di circa tremila euro. La donna non ha riportato ferite , per lei si è trattato solo di tanta paura. È stata subito soccorsa dal marito Cosimo Buzzerio, costruttore edile, che non ha esitato a chiamare la polizia. Al suo arrivo la moglie era in lacrime e in forte stato di shock, i ladri l'avevano immobilizzata con la faccia sul pavimento.

Sul posto si sono portati gli uomini della squadra mobile della questura di Brindisi, al comando del vice questore Alberto Somma, che, insieme agli agenti della polizia scientifica, hanno proceduto con i rilievi di rito. Il condominio dove vive la famiglia Buzzerio, al civico 284 di via Cappuccini, è dotato di sistema di video sorveglianza ma al momento gli investigatori non hanno ancora visionato i fotogrammi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinata in casa moglie costruttore

BrindisiReport è in caricamento