menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato per rapina, ai domiciliari per assistere la madre

Il brindisino Otello Bistonte, 30 anni ha ottenuto dal giudice delle indagini preliminari Tea Verderosa una attenuazione della misura restrittiva, passando dalla detenzione in carcere a quella nel proprio domicilio

BRINDISI – Il brindisino Otello Bistonte, 30 anni ha ottenuto dal giudice delle indagini preliminari Tea Verderosa una attenuazione della misura restrittiva, passando dalla detenzione in carcere a quella nel proprio domicilio. Bistonte, difeso dall’avvocato Luca Leoci, sta scontando una condanna a quattro anni e sei mesi, ricevuta a conclusione del giudizio immediato disposto con decreto dal gip Paola Liaci, su richiesta del pm Valeria Farina Valaori.

Otello Bistonte fu arrestato il 10 dicembre scorso in flagranza di reato da personale della Squadra mobile, dopo una rapina al supermercato Di Meglio al rione Cappuccini, compiuta con due complici. I tre si impadronirono di un registratore di cassa abbandonato poi accanto all’ingresso per darsi alla fuga. Nei Minuti precedenti i banditi avevano puntato le pistole al volto del padre della titolare del supermercato e di una cassiera.

La rapina fu condotta a volto coperto. Il gip ora ha accolto la richiesta del difensore di Bistonte, basata soprattutto sulle necessità di assistenza della madre del detenuto, che è sola e non può contrare in casa su altre forme di cure familiari

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento